29/03/12

l'innocenza del "tecnico" spesso si trasforma in senso di onnipotenza: non c'è altro modo per spiegare le ultime dichiarazioni dell'attuale presidente del Consiglio, prof Mario Monti.



In missione a Tokyo, il professore ha spiegato ai giornali e ai media del mondo che l'Italia lo vuole, gli italiani lo vogliono, che tutti vogliono Lui ed il suo governo e nessuno vuole più' i partiti e la politica. 
Perfino la teoria legata ai ricorsi storici, ha più' volte dato prova che l'investitura divina non abbia portato molto bene a qualche governante, così' come appare sbagliato e fuorviante appropriarsi della volontà' popolare senza prima essere stati eletti democraticamente. E' infatti necessario ricordare,  e lo dico a chi mi legge, che il nostro sistema democratico prevede che sia il popolo a scegliere il governo sulla base di programmi e proposte e che questo sistema non può' essere sovvertito da un artificioso gioco di tattiche e veti. La parola deve quindi spettare al popolo, anche perché sarebbe troppo facile cambiare le regole che reggono molti ambiti della nostra vita senza essersi prima confrontati con la cittadinanza. 
Qualcuno parlando della Democrazia disse che quest'ultima rappresenta la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle altre forme che finora sono  già state sperimentate.....ecco io credo che occorra una volta di più' pensare a chi, troppo spesso,  le scelte di altri le paga sulla propria persona...e gli uomini non sono numeri...ma carne e sangue....

Nessun commento:

Posta un commento