31/07/10

EXPO 2015: BONI, A SETTEMBRE CONSIGLIO STRAORDINARIO

Milano, 30 lug. (Adnkronos) - Consiglio regionale lombardo straordinario a settembre per discutere di Expo. Lo ha annunciato oggi il Presidente del Consiglio regionale, Davide Boni, che ha fissato per il 21 settembre una seduta straordinaria su un argomento per il quale, ha sottolineato "fondamentale deve essere l'unita' di tutti i rappresentanti istituzionali" dopo che nei giorni scorsi lo stesso Consiglio ha approvato un ordine del giorno "che ha portato tutti a ragionare sull'argomento".

Compatibilmente con gli impegni del Presidente della Commissione antimafia, Giuseppe Pisanu, sara' poi convocato un altro Consiglio straordinario (Boni pensa al 26 ottobre) per discutere di sicurezza e 'Ndranheta, argomenti sui quali, ha spiegato Boni "credo occorra fare un ragionamento serio e preciso, dove potremo avanzare delle proposte rispetto alla legge sugli appalti".

Entro la fine dell'anno il Consiglio potrebbe poi effettuare un'altra trasferta, dopo quella di Malpensa, per affrontare i problemi legati al lavoro e all'occupazione, trasferta che potrebbe anche essere fissata ad Arese, storica localita' alle porte di Milano, dove per anni si sono prodotte le auto Alfa Romeo.

30/07/10

MANOVRA: BONI, MAGGIOR RISPETTO AL CONSIGLIO REGIONALE LOMBARDO DA PARTE DI TUTTI

Milano, 30 lug. (Adnkronos) - "Credo che occorra un maggiore rispetto istituzionale da parte di tutti". Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni, commenta cosi' alcune affermazioni rilasciate ieri dall'Assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Cattaneo, in merito ad un possibile aumento delle tariffe dopo i tagli previsti dalla Manovra.

Boni ricorda che "alcune decisioni prese dai singoli consiglieri possono poi prendere una strada diversa una volta arrivate in Consiglio. Le leggi di bilancio -osserva- vengono sempre approvate dal Consiglio regionale. Per le situazioni poi che toccano tutti i cittadini, come i tagli al trasporto pubblico o l'aumento delle tariffe, e' sempre auspicabile che vi sia un ampio ragionamento in Consiglio da parte di tutti".

Sottolineando come il Consiglio regionale non sia "il parente povero della Giunta" Boni ricorda che "per anni il Consiglio regionale e il suo ufficio di presidenza sono stati visti come i gestori dei lavori d'aula. Credo invece -conclude che sia imortante per il Consiglio stesso e l'esecutivo avere una assemblea competitiva ovviamente nel senso virtuoso del termine". Secondo Carlo Spreafico, consigliere segretario, "il Consiglio tende a uscire da quel cono d'ombra che la Giunta gli ha sempre gettato addosso. Noi -osserva- non siamo dei mezzadri a disposizione della Giunta. Questa e' la verita' nuova -conclude- su cui giocheremo il nostro futuro ruolo".

MANOVRA: BONI, NO A MURO CONTRO MURO CON GOVERNO

Milano, 30 lug. - (Adnkronos) - No al muro contro muro con il Governo. Davide Boni, presidente del Consiglio regiobnale della Lombardia nonche' coordinatore della Conferenza dei consigli regionali e delle province autonome prende le distanze dall'atteggiamento assunto dai presidenti regionali e il loro braccio di ferro con il Governo sulla manovra. Premesso che "a noi questa manovra non piace perche' e' una manovra di lacrime e sangue -spiega Boni- comprendiamo
il momento difficile e pensiamo che l'approccio con il Governo non posa esere quello del muro contro muro che non porta a nessun tipo di risultato".

"Le assemble legislative -spiega Boni- hanno fatto arrivare al Governo un documento e hanno iniziato a tessere rapporti diretti sia con il ministro degli Affari regionali, Fitto, che con quello della Semplificazione, Calderoli. I Consiglii regionali -aggiunge Boni- vogliono, in sostanza, avere un rapporto piu' diretto con il Governo perche' molti tagli si ripercuotono sulle scelte che vengono poi fatte all'interno degli stessi consigli regionali".

REGIONI: LOMBARDIA; STOP SPESE, NO CONSIGLIO A COLUMBUS DAY

(ANSA) - MILANO, 30 LUG - Il Consiglio regionale della Lombardia non partecipera', quest'anno, al Columbus Day, la tradizionale parata newyorkese organizzata per celebrare la
scoperta dell'America. Lo ha annunciato il presidente dell'assemblea lombarda, Davide Boni (Lega), spiegando che questa e' solo una tappa del cammino di razionalizzazione e contenimento delle spese avviato dall'Ufficio di presidenza di cui e' alla guida. ''La cura dimagrante del Consiglio - ha spiegato Boni a margine di una conferenza stampa - ammonta, per il 2010, a 700 mila euro, di cui 300 mila erano destinati proprio alla partecipazione al Columbus Day''. Il presidente del Consiglio della Lombardia ha infatti spiegato che, nel 2009, l'assemblea lombarda ha chiuso il suo bilancio con un avanzo di amministrazione di 1,9 milioni di euro. Di queste risorse 1,2 milioni di euro saranno trattenuti dal Consiglio per coprire, nel 2010, spese per il potenziamento del sistema informatico e per pagare il personale, con eventuali nuove assunzioni.
Il risparmio effettivo, secondo quanto riferisce Boni, ammonta quindi a 700 mila euro, recuperati ''tagliando missioni all'estero, come il Columbus Day, consulenze, patrocini e convegni''. L'assemblea lombarda risparmiera' anche sul costo della carta perche' ''la direzione verso cui vogliamo andare - ha aggiunto Boni - e' proprio quella dell'informatizzazione''.

IMMIGRATI: BONI, GIUSTO GIRO DI VITE FRANCESE CONTRO ROM

Milano, 30 lug. (Adnkronos)- ''Impossibile biasimare il giro di vite annunciato dal Governo francese sul tema del nomadismo, che ha visto nell'ultimo periodo gruppi di rom dare vita ad una serie di preoccupanti rappresaglie da parte delle persone che non sono in regola con i permessi di soggiorno e vivono in campi non autorizzati". Lo afferma Davide Boni, presidente del Consiglio Regionale della Lombardia, esponente della Lega Nord.

Per Boni "il principio di fondo e' infatti condivisibile: ovvero l'allontanamento di tutti coloro che sono giunti irregolarmente sul territorio e che violano sistematicamente le leggi dello Stato, evitando che le aree ghetto possano gettare nel caos intere citta' e alimentare disordini".

"Nulla di strano, quindi, se anche nel nostro Paese, che ad oggi registra un terzo dei rom presenti in Francia, si stia procedendo a sgomberare intere aree occupate illegalmente, nonostante l'opposizione demagogica di buona parte della sinistra che non ha ancora evidentemente compreso come la sicurezza debba essere garantita sul territorio grazie all'impegno di tutti'', conclude Boni.

AUTOSTRADE: BONI, SOLO QUANDO è IL NORD A PAGARE è TUTTO REGOLARE

Milano, 29 lug. - (Adnkronos) - In merito alla sospensione da parte del Tar del Lazio della decisione relativa all'aumento dei pedaggi autostradali, e' intervenuto Davide Boni, Presidente del Consiglio regionale lombardo: ''Se e' il Nord che paga, allora e' tutto regolare: ma quando anche altre Regioni del Centro- Sud sono chiamate a rimboccarsi le maniche, contribuendo come tutti al buon funzionamento della macchina statale, allora la burocrazia interviene prontamente, bloccando in tempi record una decisione storica assunta dal Governo nell'ambito della manovra finanziaria.

''Come al solito -ha concluso Boni- nel sistema Italia ci vuole piu' tempo del dovuto per mettere in cantina pessime abitudini che hanno contribuito ad incrementare in maniera considerevole il debito pubblico e per fare cosi' in modo che ciascuna Regione si assuma le proprie responsabilita' senza piu' pesare sulle spalle altrui''.

29/07/10

LOMBARDIA: CONSIGLIO APPROVA LEGGE RAZIONALIZZAZIONE SISTEMA REGIONALE

(ASCA) - Milano, 28 lug - Razionalizzazione dell'apparato amministrativo regionale, riduzione dei costi e rafforzamento della sinergia tra gli enti, le societa' dipendenti e la Regione. Lo prevede un progetto di legge approvato oggi a maggioranza (34 voti a favore; 24 contrari e un astenuto) dal Consiglio regionale della Lombardia, presieduta da Davide Boni (Lega Nord). Relatore del provvedimento e' stato il Vice Presidente del Consiglio regionale Lombardia, Franco Nicoli Cristiani (PdL).Le novita' della legge riguardano l'unificazione di IReR e IREF, la soppressione di IREALP e nuovi aspetti della governance dell'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente (ARPA), con l'attribuzione della rappresentanza legale al Direttore generale. Altre novita' riguardano ERSAF, gli enti sanitari, le societa' a partecipazione regionale, le fondazioni istituite dalla Regione e altri enti pubblici, tra cui le ALER. Grazie allo snellimento dei costi sostenuti per Consigli di amministrazione, revisori e direttori generali la stima provvisoria dei risparmi minimi si aggira attorno a 771 mila euro. Per quanto riguarda, inoltre, la partecipazione ad organismi consultivi degli Enti dipendenti e' previsto soltanto la corresponsione di un gettone di presenza.''Si tratta - ha dichiarato Nicoli Cristiani - del primo esempio di razionalizzazione delle societa' controllate dalla Regione dopo la riforma del Titolo v della Costituzione. Tale provvedimento avra' inoltre ricadute positive anche dal punto di vista del contenimento dei costi e dello snellimento amministrativo. Il risparmio maggiore, comunque, si avra' grazie alla razionalizzazione dei compiti e delle funzioni, che comportera' piu' efficacia nel lavoro degli enti''.In particolare, IReR e IREF confluiscono in un nuovo ente che si occupera' di ricerca, statistica e formazione. Con alcuni emendamenti del relatore si prevede che un componente del Consiglio di amministrazione venga indicato dai gruppi consiliari di minoranza e che venga istituito, a supporto delle attivita' del nuovo Ente, un comitato tecnico-scientifico. Tale organo avra' competenza di carattere consultivo e di raccordo con la comunita' scientifica, le Universita' e gli Enti locali ed esprimera' parere obbligatorio sul piano pluriennale di attivita' e sul programma annuale. Anche in questo caso uno dei componenti sara' nominato dalle minoranze del Consiglio regionale.

MALPENSA: CONSIGLIO REGIONALE LOMBARDIA APPROVA RISOLUZIONE

(ASCA) - Milano, 28 lug - La volonta' politica del Consiglio Regionale della Lombardia di sostenere Malpensa e il suo indotto e' oggi forte ed evidente, come ha affermato il Presidente Davide Boni, a commento della risoluzione approvata a maggioranza.''Il Consiglio regionale ha intenzione di fare sentire nuovamente la sua presenza sul territorio'', come ha fatto il mese scorso con la seduta straordinaria all'interno della sede aeroportuale.

''La Regione Lombardia non ha mai abbandonato
Malpensa'' ha detto a sua volta Giorgio Pozzi (PdL). Il Presidente della Commissione Territorio ha sottolineato che ''i nostri veri rivali stanno nei grandi sistemi aeroportuali d'Europa'', con cui e' necessario essere competitivi.

La risoluzione e' stata approvato dall'Assemblea con l'astensione del PD e il voto contrario di Italia del Valori( Gruppi che avevano presentato emendamenti e ordini del giorno che sono stati respinti) e Sel.

Il documento votato dall'Aula impegna quindi la Giunta a proseguire nell'azione di sostegno e potenziamento dell'
aeroporto di Malpensa; a completare il programma di infrastrutture e servizi di accessibilita'; a redigere ''il piu' sollecitamente possibile'' il nuovo Piano d'Area dell'aviosuperficie, coinvolgendo i Comuni direttamente interessati; ad attivare i provvedimenti necessari allo sviluppo del sistema aeroportuale lombardo prevedendo a Malpensa un numero adeguato di collegamenti intercontinentali ed internazionali diretti.

La risoluzione chiede poi al Governo nazionale che siano rimossi gli ostacoli normativi che impediscono la libera crescita dello scalo e che si promuova, attraverso un confronto con le altre Regioni del nord del Paese, un piano di sviluppo del sistema di trasporto aereo del Nord Italia coerente con il trend di crescita previsto. Le proiezioni prevedono infatti che il traffico nel Nord Italia raggiunga, nel 2025, i 113 milioni di passeggeri di cui 42,5 milioni in transito da Malpensa (dal marzo 2008 il ''de-hubbing'' di Malpensa da parte di Alitalia ha fatto registrare una diminuzione dell'86,8% dei transiti passando dagli 11,4 milioni del 2007 a 1,5 milioni del 2009).

28/07/10

MALPENSA: BONI (LEGA), POLITICA NON HA MAI ABBANDONATO SCALO VARESINO

Milano, 28 lug. - (Adnkronos) - "Prima di tutto intendo ringraziare il Presidente Pozzi e i componenti della quinta Commissione consiliare per il prezioso lavoro svolto, che ha
consentito di arrivare alla formulazione di un testo completo e attento. L'approvazione della risoluzione su Malpensa e' la prova che la politica non ha mai dimenticato o abbandonato lo scalo varesino: questo documento segue infatti tutta una serie di atti che hanno visto la nostra Regione schierarsi in prima linea a difesa del nostro aeroporto". Lo afferma il presidente del Consiglio Regionale della Lombardia Davide Boni, esponente della Lega Nord, commentando
l'approvazione di una risoluzione su Malpensa.

''Ora - ha aggiunto Boni - e' necessario continuare sulla strada intrapresa, sollecitando lo stesso Governo nazionale ad un confronto con tutte quelle Regioni che intendono fare in modo che Malpensa si riaffermi definitivamente come lo scalo per eccellenza del Nord del Paese, anche in vista dell'esposizione mondiale del 2015. Ci sono infatti una serie di ostacoli normativi che devono essere rimossi, nell'ottica non solo di rivedere gli accordi bilaterali, lasciando
libero lo scalo di crescere, ma anche per investire parte delle tariffe aeroportuali in opere finalizzate a migliorare l'accessibilita' e la vivibilita' del sedime aeroportuale.

''Dopo la seduta di Consiglio regionale tenutasi lo scorso mese proprio a Malpensa, con questo documento viene sancito l'impegno di tutti i Consiglieri a investire sull'hub varesino, sostenendo presso tutte le sedi i cambiamenti necessari per rafforzare la posizione
conquistata dal nostro scalo: ci auspichiamo quindi - ha concluso il Presidente del Consiglio Davide Boni - che tutti i livelli istituzionali facciano la loro parte, in modo da incentivare uno sviluppo sostenibile e sempre piu' competitivo rispetto agli altri aeroporti internazionali".

EXPO 2015: BONI, SERVE SOLUZIONE DEFINITIVA SU QUESTIONE AREE

(ASCA) - Milano, 27 lug - Una ''soluzione definitiva'' sulla questione delle aree dove sara' realizzato il sito espositivo di Expo 2015. A sollecitarla e' stato oggi Davide Boni, presidente del Consiglio regionale della Lombardia, durante la discussione consiliare sul caso Expo.

Per Boni, ''e' nell'interesse di tutta la Lombardia arrivare in tempi rapidi ad una soluzione definitiva sulla questione dell'acquisto o meno delle aree, in modo da potere procedere alla realizzazione di tutte quelle opere fondamentali per il successo della manifestazione
mondiale''.

Per questo Boni ha auspicato ''una convergenza immediata da parte di tutte le istituzioni coinvolte in questo straordinario progetto''.

Il dibattito sull'Expo proseguira' alla ripresa dei lavori del consiglio dopo la pausa estiva. Sara' quella l'occasione, ha concluso Boni, per ''potere ribadire la massima attenzione da parte dell'assise lombarda verso un'esposizione che deve essere vista come un'occasione importante per rilanciare il nostro territorio''.

27/07/10

MANOVRA: BONI, DA ASSEMBLEE REGIONALI ATTEGGIAMENTO COLLABORATIVO

(ASCA) - Roma, 27 lug - La manovra correttiva del Governo ''e' pesante soprattutto per le Regioni ma da parte nostra ci sara' un atteggiamento collaborativo che non va certo letto come un accomodamento. Su questo siamo tutti d'accordo e questa posizione e' stata approvata all'unanimita' da tutte le Regioni''. Cosi' Davide Boni, coordinatore della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome e Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, ha commentato il documento sulla manovra che e' stato approvato questa mattina. Boni ha auspicato che la Conferenza ''venga formalmente coinvolta nella Commissione Governo-Regioni-Enti locali che dovra' valutare gli sprechi e nell'esame dei decreti attuativi del federalismo fiscale''. A proposito di questa riforma, Boni ha spiegato di essere ''fiducioso che i decreti sui costi standard della sanita' serviranno a rendere piu' sopportabile la manovra e che comunque ci sono spazi anche all'interno delle Regioni per effettuare dei risparmi sulle spese e sui costi di gestione''. Boni ha annunciato che nei prossimi giorni sono in programma sia un incontro con il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, e sia col ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto.

Al via in Consiglio Regionale la sessione di bilancio

Si apre oggi alle ore 10 in Consiglio regionale la sessione di bilancio che prevede la discussione e la votazione del conto consuntivo del Consiglio relativo all'anno 2009 e del rendiconto generale per l'esercizio finanziario 2009, relatore Doriano Riparbelli (PdL) e dell'assestamento al bilancio per l'esercizio 2010 e al bilancio pluriennale 2010/2012, relatore Massimiliano Romeo (Lega Nord). Il Presidente Davide Boni per l'intera sessione di bilancio ha convocato il parlamento regionale in tre distinte sedute programmate per martedi' 27, mercoledi' 28 e giovedi' 29: nell'assestamento sono previste anche le norme per la costituzione di una societa' col compito di agevolare l'acquisizione delle aree per l'Expo 2015. Venerdi' 30 luglio il Consiglio regionale si riunira' nuovamente per la convalida dell'elezione dei Consiglieri regionali eletti in questa nona legislatura, che sara' preceduta dalla relazione finale dei lavori della Giunta delle elezioni, alla quale era stato affidato l'incarico di verificare eventuali situazioni di incompatibilita' o casi di ineleggibilita'.

26/07/10

Immobili/ Boni(Lega): case fantasma concentrate al Sud, disarmante!

Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, il leghista Davide Boni, definisce "disarmante" il fatto che i due milioni di fabbricati non accatastati scoperti dall'Agenzia del Territorio siano in gran parte concentrate al Sud. "Il confronto tra le due principali città italiane, che vede Milano con 22 immobili non denunciati, contro i ben 6.372 di Roma, è alquanto disarmante, così come la classifica che vede oltre 93.000 stabili 'ufficialmente' inesistenti nella provincia di Salerno" scrive in una nota. "Un forte senso di illegalità - continua - facilmente riscontrabile nelle Province del Mezzogiorno che non può che fare riflettere. Dopo lo scandalo delle pensioni di invalidità inesistenti, dopo i dati che hanno certificato un'evasione fiscale elevata in molte Regioni del Sud, anche lo scandalo degli immobili fantasma evidenzia come in molte parti della Penisola la gestione della cosa pubblica abbia consentito nel corso degli anni un elevato spreco di risorse pubbliche, oltre alla mancata osservazione delle basilari norme vigenti in questo Paese". "Ben venga quindi - conclude l'esponente del Carroccio - l'iniziativa voluta dal Governo che, attraverso la manovra economica, ha permesso l'individuazione di milioni di stabili non registrati. Non dobbiamo poi dimenticare che attraverso il federalismo fiscale i Comuni potranno gestire il nuovo gettito derivante dalle successive regolarizzazioni".

Immigrati: Boni, rivedere criteri assegnazione case popolari Lombardia

Milano, 25 lug. (Adnkronos) - In merito all'elevata presenza di cittadini extracomunitari nelle richieste presentate per l'assegnazione di un alloggio popolare, e' intervenuto Davide Boni, Presidente del Consiglio regionale lombardo: ''Non possiamo restare indifferenti dinanzi al dato che dimostra che oltre la meta' delle persone che richiedono un alloggio popolare e' di origine extracomunitaria. La parte restante e' comunque composta da cittadini stranieri comunitari e, infine, da lombardi che necessitano una casa in cui vivere e che da troppo tempo aspettano pazientemente nella graduatoria il proprio momento'', ha detto.

''Le migliaia di appartamenti immessi annualmente sul mercato sono comunque inferiori rispetto alle liste di attesa -ha proseguito- Per questo motivo, alla luce delle domande presentate, e' necessario rivedere i criteri di assegnazione, in modo da evitare che i cittadini lombardi e italiani restino in fondo alla graduatoria, rischiando cosi' di premiare coloro che, invece, sono appena giunti nel nostro Paese. Non dobbiamo infatti dimenticare che gli alloggi popolari sono stati realizzati negli anni grazie al contributo economico che i lombardi hanno versato?.''.

24/07/10

Aeroporti: Boni, soddisfazione per accordo per polizia locale a Linate

(Adnkronos)- ''Sono molto soddisfatto che sia stato stipulato un accordo fra i Comuni che gravitano attorno all'area aeroportuale e che potra' finalmente garantire, in collaborazione anche con Sea, controlli sempre piu' efficienti". Ad affermarlo e' Davide Boni, presidente del consiglio regionale della Lombardia, commentando l'accordo per il controllo dello scalo di Linate.

"L'impiego in forma associata degli agenti di polizia locale consentira' quindi maggiore sicurezza allo scalo e servira' anche a scongiurare, una volta per tutte, il fenomeno vergognoso legato alla presenza dei tassisti abusivi. Una stretta collaborazione tra le forze dell'ordine che evitera' ai passeggeri di restare vittime di truffe e raggiri, rendendo ancora piu' efficiente un servizio che consente quotidianamente a migliaia di persone di raggiungere il capoluogo lombardo'', conclude Boni.

Fiat: Boni (Lega), inammissibile spostare la produzione in Serbia

(Adnkronos) - "Sarebbe inammissibile che in una situazione economica e occupazionale difficile come quella attuale, una delle principali aziende italiane, che in questi anni ha potuto usufruire di una serie di incentivi statali, giri le spalle ai lavoratori italiani". E' quanto dichiara il presidente del Consiglio regionale lombardo, Davide Boni, riferendosi all'ipotesi che parte della produzione della Fiat sia spostata in alcuni stabilimenti in Serbia.

"Mi auguro - continua Boni - che la sciagurata ipotesi di spostare la produzione dei nuovi modelli Fiat in alcuni stabilimenti della Serbia sia prontamente smentita".

Secondo l'esponente della Lega Nord, "gli impegni assunti sull'occupazione devono essere mantenuti: troppo comodo abbandonare il territorio italiano e produrre altrove mettendo in ginocchio la nostra manodopera. Il 'made in Italy' -conclude- non lo si tutela di certo delocalizzando la produzione in Serbia".

22/07/10

DECRETI FEDERALISMO: BONI, IMPORTANTE APPROVAZIONE SU COSTI STANDARD COMUNI E PROVINCE

Milano, 22 lug. (Adnkronos) - "Un passaggio importante, necessario per arrivare a pieno compimento della riforma fiscale, rispondendo in modo concreto alle richieste di maggiore autonomia fiscale da parte degli enti locali". Cosi' Davide Boni, presidente del consiglio regionale lombardo, interviene in merito all'approvazione, da parte del consiglio dei ministri, del decreto sui costi standard di Comuni e Province.

"Solo in questo modo -spiega- le Regioni, le Province e i Comuni potranno utilizzare le proprie risorse, mantenendole sul territorio, superando il grande ostacolo rappresentato dal criterio della spesa storica che ha tolto ossigeno agli enti piu' virtuosi. In tutti questi anni la struttura statale ha permesso il trasferimento di una serie consistente di risorse a quelle Regioni che, invece di investirle in maniera adeguata, le hanno sperperate a danno di tutto il sistema".

Per Boni "Ben venga quindi l'accelerazione voluta su una riforma che potra' dare molte risposte alle istanze presentate agli enti locali anche in occasione dell'approvazione della manovra economica".

MANOVRA: BONI, CONSIGLIO LOMBARDO A DIFESA PRODOTTI REGIONALI

(ASCA) - Milano, 21 lug - ''Il Consiglio regionale deve essere il mezzo per difendere i prodotti lombardi e non per schierarsi a favore o contro qualcuno. Il dato di fatto e' che mentre perdiamo tempo in queste diatribe continuiamo ad importare latte straniero''. Questa la dichiarazione del presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni in merito alla manifestazione degli allevatori della Coldiretti di stamane sotto il Palazzo della Regione.

''Sul tema dell'
Agricoltura, il fronte degli operatori del settore e degli allevatori deve essere unito. Sarebbe un gravissimo errore - afferma Boni - che una parte se la prendesse con l'altra: con le divisioni interne rischiamo unicamente di non riuscire a pesare nei confronti dell'Europa e, di conseguenza, a non difendere in maniera adeguata i diritti e i prodotti del mondo agricoli, in primis proprio il latte''.

''Invito quindi tutti gli agricoltori - conclude il presidente - a fare fronte comune per riaffermare l'
agricoltura come risorsa fondamentale per questo Paese. Il punto non e' discutere di quote latte, ma e' capire se queste quote hanno ancora ragione di esistere o meno sul nostro territorio. Il Consiglio regionale dovra' attivarsi, attraverso la convocazione di un Consiglio tematico, come interlocutore sul prezzo del latte, esercitando una salvaguardia dei prodotti''.

21/07/10

SICUREZZA: BONI, SEDI IMBRATTATE GESTO VILE E VERGOGNOSO

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni (Lega) considera ''un attacco vile e vergognoso quello messo in atto da un gruppo di delinquenti'' che nella notte ha imbrattato le sedi della Lega Nord, Pdl e Pd di Milano inneggiando a Garlo Giuliani. Per questo Boni si augura che gli autori del gesto ''siano identificati e assicurati alla giustizia. La scritta 'assassini - precisa Boni in una nota - va la di la' di qualsiasi commento
politico: un gesto che tutti noi dobbiamo con forza condannare, perche' non e' imbrattando i muri con scritte ingiuriose che si puo' ricordare una persona''.
Secondo il presidente del Consiglio lombardo ''episodi come questi rientrano in una logica violenta che appartiene ad alcune frange estremiste di sinistra che piu' di una volta hanno
manifestato il proprio pensiero rompendo vetrine e scrivendo epiteti su qualsiasi muro capitasse a tiro''
.

19/07/10

IMMIGRATI; BONI: INUTILE UN NUOVO CIE A MALPENSA

Milano, 19 lug. (Adnkronos)- ''E' bene ribadire che se il Ministro dell'Interno ritiene prematuro parlare della creazione di un nuovo Cie a Malpensa, e' inutile che qualcuno insista in questa
direzione". Lo afferma il presidente del Consiglio Regionale della Lombardia DAvide Boni in merito all'ipotesi di realizzazione di un nuovo Cie (Centro di Identificazione ed Espulsione) in Lombardia, nei pressi di Malpensa.

"I Cie vanno infatti realizzati in quelle Regioni che fino ad oggi hanno utilizzato le strutture messe a disposizioni da altri, in modo da non concentrare solo in Lombardia la questione legata alla permanenza temporanea dei clandestini in attesa di espulsione. Sarebbe pertanto meglio proseguire nell'attuazione del programma stilato dal Ministero dell'Interno, realizzando in breve tempo una serie di nuove strutture che possano responsabilizzare tutto il Paese, e non solo in
Nord, nella lotta all'immigrazione clandestina'', conclude Boni.

16/07/10

Manovra: Boni, necessario accelerare processo riformista senza ridare deleghe

Milano, 15 lug. - (Adnkronos) - "E' razionale e ragionevole che tutte le Regioni si siano convinte sul fatto che sia necessario accelerare il processo riformista di questo Stato, senza ridare alcuna delega, perche' la gestione centralista del nostro Paese non puo' che peggiorare gli effetti della crisi economica". Cosi' Davide Boni, presidente del consiglio regionale lombardo, interviene in merito alla presa di posizione delle Regioni sulla questione delle deleghe. "La riforma federalista e il trasferimento delle competenze sui singoli territori regionali -sottolinea- non rappresentano dei passaggi opinabili e rimandabili ma delle necessarie prese d'atto che richiedono il massimo impegno da parte di ciascuna amministrazione regionale nel continuare a vele spiegate verso il raggiungimento di questi obiettivi per uscire definitivamente da questa difficile situazione economica". In vista della prossima assemblea della Conferenza, che si terra' il 26 luglio a Roma, "e' mia intenzione sottoporre all'attenzione dei colleghi Presidenti un ordine del giorno che verra' successivamente sottoposto alle singole assemblee legislative in merito alle problematiche inerenti la manovra finanziaria", conclude Boni, neo coordinatore della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome.

15/07/10

MALPENSA: BONI, AEROPORTO NON è UN FARDELLO MA ALITALIA HA POCO FIUTO

Malpensa, 14 lug. - (Adnkronos) - "Questa e' la dimostrazione che Malpensa non e' un fardello, ma un elemento di sviluppo cui nessuna azienda vorrebbe rinunciare. Ma tant'e'. Alitalia ha gia' dimostrato di avere poco fiuto per queste cose. E infatti oggi a brindare e' Lufthansa". Cosi' il presidente del Consiglio regionale lombardo, Davide Boni, e' intervenuto a Malpensa alla cerimonia di benvenuto del nuovo aerobus A380 di Lufthansa.

"Lufthansa a Malpensa ci ha creduto e -sottolinea Boni- ha investito, ottenendo buoni risultati. La Lombardia, come ha gia' avuto modo di evidenziare con le sue politiche e con il consiglio regionale straordinario svoltosi nell'aerostazione il 29 giugno scorso sara' sempre a fianco del proprio hub. Lo fanno anche le compagnie estere che, a differenza di altri, credono in Malpensa e nelle sue capacita'. Chissa', forse Alitalia dopo avere constatato che le sue previsioni erano sbagliate, magari ci ripensera'".

14/07/10

LOMBARDIA/REGIONE: BONI, INVITO I CONSIGLIERI A DONARE IL SANGUE


(ASCA) - Milano, 13 lug - ''Donare il sangue e' un gesto unico e insostituibile che permette di salvare la vita a molte persone, alcune delle quali affette da gravi patologie che, senza una sufficiente trasfusione, non avrebbero la possibilita' di superare momenti difficili della loro esistenza''. Con queste parole il Presidente del Consiglio regionale lombardo, Davide Boni, e l'associazione Avis di Milano, hanno deciso di organizzare per giovedi' 15 luglio, dalle 8 alle 1, un momento di sensibilizzazione rivolto a tutti i Consiglieri regionali e ai dipendenti della Regione Lombardia al fine di sostenere le donazionidi sangue anche nel periodo estivo.

''Mentre le citta' nel periodo estivo si svuotano, - commenta Boni - il bisogno di sangue resta sempre elevato: per questo e' importante che tutti i cittadini e in particolare i piu' giovani, comprendano come sia importate compiere questo piccolo ma grande gesto per evitare che le donazioni subiscano una pericolosa battuta d'arresto''.

''Per questo motivo - prosegue il presidente del Consiglio lombardo - invito tutti i Consiglieri Regionali, i collaboratori e i dipendenti a partecipare Giovedi' mattina a questa importante iniziativa. Ringrazio naturalmente fin da ora l'associazione Avis che, con il suo costante impegno, allevia le sofferenze di molte persone''.

13/07/10

CONSIGLIO REGIONALE: ORDINE DEL GIORNO SEDUTA DI: MARTEDI’ 13 LUGLIO 2010

ORDINE DEL GIORNO
SEDUTA DI:
MARTEDI’ 13 LUGLIO 2010
(dalle ore 10.00 alle ore 20.00 con
intervallo tra le 13.00 e le 14.00)

1. Comunicazioni del Presidente del Consiglio
2. Approvazione dei processi verbali delle sedute precedenti
􀂃 29 giugno 2010
3. SVOLGIMENTO DI INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA
4. PROPOSTA DI ATTO AMMINISTRATIVO N. 0001
Modifica della denominazine dell'Azienda ospedaliera 'Ospedale di Lecco' in 'Azienda
ospedaliera della Provincia di Lecco'.
III COMMISSIONE CONSILIARE
Relatore: Cons. Galli
5. PROPOSTA DI ATTO AMMINISTRATIVO N. 0002
Modifica della denominazine dell'Azienda ospedaliera 'Azienda ospedaliera ospedali riuniti di
Bergamo' in 'Azienda ospedaliera Papa Giovanni XXIII'.
III COMMISSIONE CONSILIARE
Relatore: Cons. Longoni
6. PROPOSTA DI ATTO AMMINISTRATIVO N. 0004
Istituzione della riserva naturale 'Stagni di Lungavilla'.
VIII COMMISSIONE CONSILIARE
Relatore: Cons. Pesato con relazione scritta
7. MOZIONE N. 0006
Mozione concernente la costituzione di un Nucleo di valutazione per le politiche industriali.
iniziativa: Cremonesi (SEL)
8. MOZIONE N. 0012
Mozione concernente la diffusione telematica del BURL (Bollettino Ufficiale della Regione
Lombardia).
iniziativa: Galli, Romeo, Orsatti, Cecchetti, Bianchi, Bottari, Frosio, Ciocca, Ruffinelli, Bossi,
Longoni, Bossetti, Marelli, Colla, Pedretti, Toscani, Parolo (LL/LN/P)
9. MOZIONE N. 0011
Mozione concernente l'intervento diretto di Regione Lombardia nella realizzazione delle opere
infrastrutturali per Expo 2015.
iniziativa: Marcora, Quadrini, Bettoni (UDC)
10. MOZIONE N. 0013
Mozione di impegno della Regione a sostenere le posizioni espresse dalla Conferenza delle
Regioni, ANCI e UPI sul ddl n. 2259 concernente il riordino delle autonomie locali.
iniziativa: Valentini Puccitelli, Zuffada, Alboni, Riparbelli (PDL)
11. MOZIONE N. 0014
Mozione concernente la determinazione di criteri idonei per l'utilizzo dei fondi regionali per il
patrocinio di iniziative.
iniziativa: Sola, Patitucci, Cavalli, Zamponi (IDV)

12/07/10

MANOVRA: BONI, RESTITUIRE DELEGHE? MEGLIO CHIEDERNE DI PIU'

''A fronte della difficile situazione economica, il fatto di continuare a minacciare la
restituzione allo Stato centrale di una serie di deleghe, rafforzerebbe di conseguenza una gestione ancora piu' centralista delle risorse''. E' quanto sostiene il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni (Lega), convinto che ''non e' innescando la retromarcia sul federalismo che si risolvono i problemi: meglio sedersi al tavolo e chiedere ancora piu' deleghe, ribadendo con forza il ruolo che le nostre Regioni devono ricoprire in questo Paese''.
Considerando ''incoraggianti le parole pronunciate dal Ministro Bossi sullo stato di avanzamento del federalismo fiscale, la cui attuazione darebbe maggiore respiro alle casse delle Regioni italiane'', Boni aggiunge che ''resta inteso che il Consiglio regionale e' sempre stato ben disponibile a collaborare con l'esecutivo regionale e nazionale e che, in tema di conti, bilanci e deleghe, ogni presa di posizione che riguarda la nostra Regione deve essere portata al vaglio della Camera lombarda''. (ANSA).

10/07/10

"L'Expo a Roma? Fantascienza"

"Alemanno non può pensare di portare l'Expo 2015 a Roma, perché l'ha vinta Milano". Davide Boni, presidente del consiglio regionale della Lega Nord, sceglie Affaritaliani.it per commentare i recenti rumors, secondo cui il sindaco di Roma starebbe progettando di scippare l'Expo a Milano e, insieme al Gran Premio di Formula 1 nel 2013 e le Olimpiadi 2020, fare l'en plein. Fantascienza?

Si vocifera che Alemanno stia facendo studiare un dossier sulla possibilità di scippare l'Expo 2015 a Milano...

"Alemanno non può pensare di portare l'Expo 2015 a Roma, perché l'ha vinta Milano".

E' vero però che un'ipotesi del genere potrebbe essere plausibile, considerando che i lavori nel capoluogo lombardo sono bloccati...

"Per i lavori ci vuole il tempo che ci vuole, anche se abbiamo una tabella di marcia stretta. La soluzione di portarla a Roma sarebbe solo una questione di finanziamenti invece. Ripeto: l'ha vinta Milano, non Roma".

Ultimamente nessuno si risparmia più dal criticare questi cantieri milanesi e la Moratti non sembra essere preoccupata più di tanto. Ieri sera, intervista dal Tg2, invitava i cittadini a votare affinché Milano rientri tra le 22 città che saranno rappresentate nella nuova versione del gioco "Monopoli"....

"Non credo che il sindaco di Milano abbia il tempo per pensare al "Monopoli". La Moratti ha infatti tantissime cose da fare. E mi sembra che su Expo 2015 tutte le istituzioni lombarde siano molto attente . Poi è naturale che l’ingranaggio non è cosi facile da far partire. Questo è innegabile. Però ci stiamo lavorando ancora e ci arriveremo. Noi siamo pragmatici".

Due settimane fa, l'annuncio delle dimissioni dell'ad Lucio Stanca, che ha lasciato il consiglio di amministrazione. Non crede sia motivo di preoccupazione? Fa forse intendere che le cose non stanno andando cosi bene?

"Adesso è arrivato Giuseppe Sala (direttore generale della società di gestione, ndr), che era segretario generale del Comune di Milano. Quindi credo che la sostituzione, seppur imposta, sia una buona sostituzione. E d’altronde nelle cose bisogna crederci. Io penso che Stanca non ci credesse abbastanza. Perchè fare l'ad di Expo non è una questione di stipendi. E’ una questione di fare le cose, percui adesso non c’è piu tempo da perdere... e faremo le cose".

Vuole fare un pò di propaganda?..Perché l'Expo deve assolutamente rimanere a Milano?

"Perché la Lombardia è la regione che produce il 26 per cento del prodotto interno lordo e quindi concentra sul suo territorio sia i beni di Expo, sia quelli del lavoro, sia i nuovi sistemi per la tutela ambientale. Noi siamo avanti su tantissime cose. E poi non vedo perché dovrebbe andare a Roma…Che Alemanno pensi a pagare il pedaggio per il raccordo anulare...".

Gran Premio di Formula 1, Olimpiadi 2020 e l'Expo. Una Roma ladrona?

"Alemanno vuole anche la moda....Le rispondo con un detto: chi troppo vuole, nulla stringe".

Di Alessandra Lanzi

09/07/10

TERRORISMO: BONI, MONITORARE COSTANTEMENTE QUANTO PREDICATO NELLE MOSCHEE

Milano, 8 lug. (Adnkronos) - ''Le condanne inflitte oggi per gravissimi reati connessi al terrorismo internazionale e al fanatismo islamico, evidenziano ancora una volta come si debba costantemente monitorare quanto viene insegnato e predicato nelle moschee e nei centri culturali islamici". Cosi' il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni, commenta le condanne inflitte oggi a Milano e legate al terrorismo internazionale.

"Il fatto che alcune delle persone condannate abbiano agito anche in diversi Stati europei, cercando di fare proselitismi anche nelle moschee di Via Quaranta e Viale Jenner -sottolinea Boni- dimostra che e' impossibile abbassare la guardia, illudendoci che il pericolo legato all'estremismo islamico appartenga al passato".

"Resta quindi importante mettere da parte ogni forma di demagogia -conclude- agevolando in tutti i modi il lavoro delle forze dell'ordine e chiudendo i luoghi di culto non autorizzati''.

08/07/10

CAMORRA: BONI, IMPEGNO MARONI GARANTISCE SICUREZZA ANCHE IN LOMBARDIA

Milano, 8 lug. - (Adnkronos) - "Come rappresentante delle istituzioni lombarde, mi preme evidenziare come l'impegno che il Ministero degli Interni ha profuso in questi due anni per garantire alla giustizia una serie di pericolosi latitanti, garantisce in maniera concreta anche sul nostro territorio maggiore sicurezza". Cosi' il presidente del Consiglio regionale lombardo, Davide Boni, commenta la cattura di Cesare Pagano a Napoli, congratulandosi con il ministro dell'Interno, Roberto Maroni "per la brillante operazione che ha portato alla cattura di un altro pericoloso camorrista".

07/07/10

Lega contro fondi a MeetingCl e stop anche a patrocinii

Dopo la denuncia del capogruppo della Lega al Consiglio regionale della Lombardia contro lo stanziamento di 234mila euro da parte di alcuni esponenti della Giunta Formigoni a favore dell'annuale "Meeting" di Comunione e liberazione a Rimini, arriva anche lo stop dell'Asssemblea ai patrocinii. L'Ufficio di Presidenza dell'assemblea del Pirellone, guidata dal leghista Davide Boni, ha infatti deciso di sospendere l'approvazione delle richieste di patrocinio e contributo in attesa dell'approvazione del nuovo regolamento che fisserà i criteri e i parametri di erogazione. L'obiettivo delle nuove regole, fa sapere l'Ufficio composto anche dai vice presidenti Franco Nicoli Cristiani (Pdl), Filippo Penati (Pd) e dai consiglieri segretari Massimo Ponzoni (Pdl) e Carlo Spreafico (Pd), è quello di "premiare quelle iniziative che hanno una reale pregnanza sociale e un concreto interesse regionale. In un periodo di crisi e di tagli è stato anche deciso di sospendere tutte le missioni estere, valutando tutti i protocolli d'intesa in essere per valutare quali proseguire e quali interrompere". La proposta di stanziamento era all'ordine del giorno della commissione tecnica in materia di Comunicazione, editoria e immagine che si riunisce oggi. Al centro dell'iniziativa ci sono una serie di iniziative che riguardano il turismo e i prodotti tipici, il servizio civile e il sistema ferroviario lombardo. Sul sito del Meeting di Rimini, in programma dal 22 al 28 agosto, sono già presenti banner pubblicitari delle Ferrovie Nord.

06/07/10

Aeroporti: Boni, Linate e Malpensa scali importanti per Lombardia e nord Italia

Milano, 6 lug. (Adnkronos) – “Linate e Malpensa sono due scali importanti per il traffico aereo della Lombardia e di tutto il Nord Italia. Nessuno ha mai voluto costruire la fortuna di Malpensa sulle ceneri di Linate, anche perche’ le diverse vocazioni e il mercato a cui si rivolgono consentirebbe ad entrambi di crescere e di affermarsi come scali insostituibili”. Lo afferma Davide Boni, presidente del consiglio regionale lombardo, sulla situazione del traffico aereo sugli scali milanesi di Linate e Malpensa. Boni spiega che Linate e’ “l’aeroporto utilizzato per il collegamento immediato con il capoluogo milanese, ricoprendo quindi un ruolo importante nel settore dei viaggi d’affari. Malpensa, come abbiamo anche avuto modo di evidenziare durante la seduta di Consiglio Regionale, ha senza dubbio un respiro maggiormente internazionale, in grado di competere con tutti gli altri aeroporti europei ed infrastruttura insostituibile anche in vista di Expo”, continua. “E’ comunque indiscutibile come la gestione del dehubbing da parte di Alitalia abbia procurato una serie di danni ad entrambi gli aeroporti. Per questo lo sforzo congiunto da parte di tutte le istituzioni deve essere rivolto ad incrementare la presenza di nuovi investitori e al riutilizzo degli slot ora inutilizzati”, conclude.

05/07/10

RIAFFERMARE RUOLO ASSEMBLEE LEGISLATIVE

''Sono soddisfatto per questo incarico prestigioso e ringrazio tutti i colleghi per la fiducia accordatami - ha commentato - Come ho gia' avuto modo di ribadire, e' importante che le assemblee legislative possano esercitare al meglio il proprio ruolo di indirizzo nei confronti degli esecutivi regionali. Per questo motivo mi impegnero' affinche' la Conferenza possa contribuire in maniera proficua a riaffermare tale principio''.

''In questa fase storica - sottolinea il neo Coordinatore -, che vede le Regioni assumere un ruolo sempre piu' determinante anche alla luce della riforma federale dello Stato, diventa significativo l'incarico assunto oggi dalla Lombardia all'interno di questo
organismo''.

Nuovo coordinatore della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome

(ASCA) - Roma, 5 lug - L'assemblea plenaria della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome ha rinnovato, come da Statuto, i propri organi.

Davide Boni (Lombardia) e' stato eletto per acclamazione Coordinatore della Conferenza.

Boni, presidente del Consiglio regionale della Lombardia, 48 anni, gia' assessore al Territorio e all'urbanistica della Regione Lombardia e presidente della Provincia di Mantova, sostituisce alla guida della Conferenza Monica Donini.

Francesco Cascio (Sicilia) ed Eros Brega (Umbria) sono i due Vice Coordinatori.

Sono stati designati nel Comitato di coordinamento della Conferenza, oltre al Coordinatore ed ai Vice Coordinatori: Vincenzo Folino (Basilicata), Francesco Talarico (Calabria), Onofrio Introna (Puglia), Claudia Lombardo (Sardegna), Alberto Monaci (Toscana), Clodovaldo Ruffato (Veneto).

Rosario Monteleone (Liguria), Michele Picciano (Molise) e Valerio Cattaneo (Piemonte), costituiscono il Collegio dei Revisori dei Conti.

All'interno del Comitato paritetico (composto da 15 membri, di cui 5 in rappresentanza del Senato, 5 della Camera e 5 delle Assemblee regionali) sono stati nominati, oltre al Coordinatore Boni: Nazario Pagano (Abruzzo), Matteo Richetti (Emilia-Romagna), Edouard Ballaman (
Friuli Venezia Giulia), Giovanni Kessler (Provincia di Trento).

E' stato inoltre convenuto di individuare dei Presidenti capofila su specifiche tematiche di grande rilievo istituzionale: Federalismo Fiscale (Mario Abbruzzese, Lazio); Affari europei e internazionali (Vittoriano Solazzi, Marche); Valutazione e controllo e Comunicazione/CORECOM (Onofrio Introna, Puglia) e Difesa Civica e Pari Opportunita' (Giovanni Kessler, Provincia di Trento).

map/sam/rob

(Asca)

03/07/10

INFRASTRUTTURE: BONI, NO AD ALTRI PEDAGGI PER LE STRADE DEL NORD

M

ilano, 2 lug. (Adnkronos) - No ad altri pedaggi per le strade del nord. Il presidente del Consiglio regionale lombardo, Davide Boni (Lega), intervenie cosi' nel dibattito avviato dopo l'aumento del pedaggio di autostrade e tangenziali milanesi. ''Mentre i gestori aumentano i pedaggi delle tratte di autostrade e tangenziali milanesi, come prassi legata all'adeguamento dei canoni di concessione delle singole tratte -sottolinea Boni- in altre citta' italiane il fatto di avere introdotto il pagamento per l'utilizzo di alcune reti viarie ha scatenato una serie di reazioni spropositate".

"Come dire -spiega Boni- che mentre al Nord e' normale tartassare il pendolare che ogni giorno resta intrappolato per ore nel traffico per raggiungere il proprio posto di lavoro, a Roma il fatto di avere giustamente equiparato l'arteria romana al regime di pedaggio vigente sulle tangenziali milanesi e' stata vissuta come un'ingiustizia. Un divario di trattamento -osserva- che e' stato colmato e che non deve comunque portare all'introduzione di altre tipologie di pedaggio per le strade del Nord: gli automobilisti lombardi in tutti questi anni hanno infatti pagato senza avere avuto un miglioramento nel servizio".

"La Lombardia, a fronte di un Pil elevato, occupa infatti uno degli ultimi posti nella classifica delle Regioni che hanno ottenuto investimenti statali per la costruzione di nuove infrastrutture. Questo -conlude Boni- a differenza di tante altre che non hanno mai versato un euro per usufruire delle arterie stradali?.''.