29/03/16

MILANO‬ - MOSCHEE BONI: "BASTA ABBANDONARE I COMUNI AL PROPRIO DESTINO"


In merito alle dichiarazioni di Parisi sulla realizzazione di nuove moschee, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
"E' apprezzabile il pragmatismo di Parisi sul tema della realizzazione di nuove moschee, - commenta Boni - che segna un solco profondo con i soliti slogan della sinistra che pretende di arginare il fenomeno dell'estremismo islamico costruendo ovunque e senza criteri nuovi luoghi di culto". 
"Ha ragione Parisi: è necessaria una norma nazionale, - spiega Boni - che per esempio vada ad integrarsi con il lavoro già effettuato dalla Regione Lombardia, e osteggiato per ragioni squisitamente politiche, che tenga in considerazione non solo i criteri tecnici ma anche quelli legati alla sicurezza" .
"Chi finanzia la costruzione delle moschee, come vengono scelti e chi sono gli imam, come si pongono nei confronti dell’estremismo islamico, - prosegue Boni - chi le frequenta assiduamente e il messaggio che viene divulgato: questi alcuni degli interrogativi ai quali deve essere data una chiara risposta, senza che i singoli comuni vengano abbandonati a loro stessi".
“In attesa di tutto questo, e valutato quanto sta avvenendo in tutta Europa, – conclude Boni – è comunque prematuro parlare oggi di edificare nuove moschee a Milano e in tutto il Paese”.

25/03/16

GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD) – MOSCHEE, BENE HA FATTO PARISI A RICORDARE CHE CON LA LIBERTA’ DI CULTO VANNO GARANTITE LA SICUREZZA E IL RISPETTO DELLE NORME


"Bene ha fatto il nostro candidato sindaco per Milano, Stefano Parisi, a ricordare che insieme alla libertà di culto bisogna garantire la sicurezza e il rispetto di norme nazionali.
Norme nazionali che, al momento, sul tema delle moschee, mancano totalmente.

E bene ha fatto Parisi a ricordare che è necessario consentire il controllo delle moschee, idi cosa accade al loro interno, di chi le frequenta, che i sermoni si svolgano in italiano, che si conoscano gli imam e la provenienza dei finanziamenti tramite cui si vogliono edificare questi luoghi di culto.
Purtroppo, però, al momento tutti questi requisiti mancano, e come ha ricordato lo stesso Parisi il bando fatto a Milano dall’amministrazione uscente è stato vinto da un’organizzazione che in Europa è nella black list e probabilmente percepisce finanziamenti da Stati che stanno finanziando il terrorismo che sta insanguinando l’Europa.
E oltre a tutti i requisiti di sicurezza che abbiamo elencato, e che al momento risultano mancanti, ricordiamo un ulteriore criterio previsto anche dalla legge regionale sui luoghi di culto stoppata dalla Consulta: ovvero la necessità di consultare, attraverso un apposito referendum, i cittadini dell’area su cui si vorrebbe erigere il nuovo luogo di culto, in modo che siano gli stessi abitanti dell’area interessata a dire se vogliono o meno la costruzione di una moschea sul loro territorio."

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, segretario della Lega Nord Milano

23/03/16

MILANO - PROFUGHI AREA EXPO (2) Boni: "ammirevole come Majorino difenda l'indifendibile..."

In merito alle dichiarazioni            dell'Assessore Majorino, in risposta alle critiche piovute su Sala sul tema dell'accoglienza di profughi sull'area Expo,  è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord,  Davide Boni:                        "E' ammirevole come Majorino cerchi di difendere l'indifendibile, - ironizza Boni - pretendendo di  scaricare sulla Lega Nord  il pasticcio dell'arrivo di altri migranti deciso dal loro candidato sindaco, Sala, in totale autonomia. Inutile che la sinistra faccia ora lo scarica barile: noi siamo e resteremo contrari ad incentivare un'invasione che sta incrementando il degrado a Milano.  Il resto - conclude Boni - sono solo giochi di parole dei soliti radical chic  abituati a non assumersi la responsabilità del propri atti, perché è sempre colpa di qualcun altro. ....".

#MILANO – PROFUGHI AREA EXPO, BONI (LEGA): “SALA SAPEVA TUTTO”

Milano, 23 Marzo 2016

In merito all’arrivo di profughi al campo base Expo, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni:

“E’ gravissimo che per l’ennesima volta il candidato Sindaco della sinistra milanese, Sala, venga sconfessato, in questo caso sull’arrivo di immigrati nell’area Expo, e dopo essersi trincerato dietro il solito: “non sapevo”.

“Dagli atti – spiega Boni - risulterebbe infatti che lo stesso Sala, senza avvertire né il Consiglio di amministrazione né tanto meno la Regione, avesse già preso accordi con la Prefettura, acconsentendo a nome della società Expo all’arrivo dei profughi”.

“Un comportamento inaccettabile: Sala non può pensare di gestire il bene pubblico come fosse proprio, prendendo altresì decisioni scellerate e non condivisibili, che mettono a rischio sicurezza l’intera area, con una Milano già alle prese con migliaia di profughi e clandestini. 
Una follia – conclude Boni - che intendiamo contrastare fortemente.

Dopo questa ennesima bugia, Sala dovrebbe come minimo fare un passo indietro, ammettendo di non essere in grado di guidare una città come Milano”.

22/03/16

BRUXELLES – TERRORISMO BONI: “SOLO GLI INCOSCIENTI NEGANO LA REALTA’ DI CIO’CHE STA AVVENENDO”


In merito all’attacco terroristico avvenuto questa mattina a Bruxelles, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide BONI:
“Sgomento e tanta rabbia: non ci sono altre parole per esprimere ciò che si prova dinanzi alle prime immagini che ci raccontano della “guerra” , messa in atto dagli estremisti, - commenta Boni – che oggi colpisce il cuore dell’Europa, quella stessa Europa che da troppo tempo soccombe a chi vorrebbe annientare la nostra stessa civiltà”.
“Il dolore più grosso è che le vittime, come avvenuto a Parigi, sono cittadini inermi, che pagano il lassismo e il buonismo dei propri stessi governanti che continuano a mettere la testa sotto la sabbia e a non capire che non ci può essere convivenza civile con chi tutti i giorni vorrebbe farci vivere sotto scacco”. 
“Coloro che anche nel nostro Paese e nella nostra stessa Milano, continuano a negare la realtà di ciò che sta avvenendo, spalancando costantemente le porte a tutti e a tutto, senza alcun criterio, sono solo degli incoscienti che stanno candidando le nostre città a essere il prossimo teatro di guerra”.

21/03/16

‎MILANO‬ – SICUREZZA, ‪#‎BONI‬: “STANCHI DELLE PREPOTENZE COMMESSE DAI ROM”

In merito all’aggressione commessa da tre rom ai danni di una dipendente ATM, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“Prima di tutto - commenta Boni - porgo alla dipendente ATM aggredita i miei migliori auguri per una pronta guarigione, esprimendole tutta la mia solidarietà per avere cercato di svolgere il proprio compito con serietà, facendo rispettare le regole di accesso alla metropolitana milanese e contestando immediatamente l’infrazione alle tre rom che non avevano il biglietto di ingresso”.
“L’episodio, che poteva anche avere un epilogo peggiore, - sottolinea Boni - denota che la situazione a Milano è solamente peggiorata, con interi gruppi di rom che se ne infischiano delle regole e sono pronti a malmenare chiunque faccia notare loro quali sono le norme alla base della convivenza civile”.
“Il dato altresì drammatico – spiega Boni - è che coloro che hanno il compito di fare rispettare le regole, che siano dipendenti ATM o agenti della polizia locale, rischiano di essere aggrediti nello svolgimento del loro lavoro”.
“Tutto questo è inammissibile: è necessario mettere chi lavora in determinate posizioni nelle condizioni di potere adempiere ai propri doveri in totale sicurezza, punendo duramente coloro che si macchiano di tali reati. Ecco perché vanno potenziati i controlli, anche in collaborazione con le forze dell’ordine, - conclude Boni - per fare in modo che gli addetti ai mezzi di superficie e alla metropolitana possano lavorare serenamente”

19/03/16

Elezioni a Milano. Centrodestra. Parisi “se l’inizio è questo sono convinto che ce la possiamo fare a liberare Milano”

“Sono molto contento, la risposta che ho ricevuto dai cittadini è stata molto superiore alle aspettative”. Stefano Parisi fa un bilancio della mattinata che ha segnato l’apertura ufficiale della sua campagna elettorale per la corsa a sindaco di Milano e al termine dell’evento al teatro dal Verme, si intrattiene qualche istante con i giornalisti: “Milano – dice – è una città molto aperta e globale”, facendo riferimento a qualche naso storto per via delle sue origini romane: “La rivalità tra Roma e Milano è una cosa superata. Moltissime persone che non sono nate a Milano hanno avuto qui il loro successo e io sono tra queste. Milano è una città che include e questa è una cosa che piace, tanto a chi è di Milano, tanto a chi non lo è”.  L’evento, al quale hanno preso parte volti vecchi e nuovi della politica, ha registrato il tutto esaurito nella sala da 1400 posti: “E siamo solo all’inizio – commenta Parisi -. In fondo oggi è il primo giorno di campagna elettorale. Se già questi sono i risultati, sono convinto che ce la possiamo fare”.  Parlando degli esponenti della coalizione, dice: “Stiamo lavorando molto bene, ma è fondamentale rimanere uniti perché la gente apprezza l’unità della coalizione”. In ogni caso, assicura, “da oggi ho la chiara sensazione che questa unità continuerà nei prossimi cinque anni”. “Solo con una coalizione unita potremo liberare Milano in modo efficiente senza bloccare i grandi progetti”. Lo ha detto Stefano Parisi, candidato a sindaco di Milano per il centrodestra, dal palco del teatro Dal Verme, dov’è in corso l’evento di apertura della sua campagna elettorale.
“Se vinco, governo io, non Salvini”. Lo ha detto Stefano Parisi, candidato a sindaco di Milano per il centrodestra, a margine dell’evento di apertura della sua campagna elettorale, al teatro Dal Verme. Parisi risponde così alle dichiarazioni fatte da Giuseppe Sala durante il suo intervento dal palco del teatro Parenti, dove, in contemporanea con Parisi, ha dato il via ufficiale alla sua campagna elettorale.

18/03/16

COMUNICATO STAMPA SICUREZZA - MILANO BONI: "SALA DOVREBBE FREQUENTARE PIU' PERIFERIE E MENO SALOTTI"

In merito alle dichiarazioni del candidato Sindaco della sinistra milanese, Sala, sul tema della sicurezza, è intervenuto il segretario provinciale della Lega Nord,  Davide Boni:  
"Sala vada a parlare con l'ultima persona aggredita a martellate da due nord africani, - commenta Boni - prima di affermare che il tema sicurezza viene enfatizzato".  "E' curioso come non appena si parli di controllo della città e dei luoghi più a rischio, - sottolinea Boni -  subito il PD confonda un'azione giusta e responsabile con il tentativo di "militarizzare" la città ".       "Se Sala frequentasse più le periferie e meno i salotti radical chic - chiosa Boni - si renderebbe conto che i milanesi,  commercianti inclusi,  vivono nel terrore".  "Non è porgendo fiorellini - conclude Boni - che si può pretendere di ristabilire l'ordine e la sicurezza in una città ferita e sotto attacco da troppo tempo".

14/03/16

Festa del papà – Milano Boni e Romeo: “Decisione vergognosa, ennesimo tentativo di distruggere nostre radici”

“Se con l’abolizione della festa del Natale nelle scuole pensavamo di avere toccato il fondo, ci sbagliavamo di grosso: ora il politicamente corretto travolge anche la festa del papà.” Così Davide Boni, segretario provinciale del Carroccio milanese,  commenta la notizia dell’abolizione della festa del papà in una scuola dell’infanzia di Milano e prosegue:  “E’ vergognosa infatti la decisione di un asilo milanese di non festeggiare quest’altra ricorrenza tradizionale, come se letterine e lavoretti dei bambini, realizzati per dimostrare il proprio affetto alla figura paterna, rappresentassero un attacco alle cosiddette “famiglie arcobaleno”. Che piaccia o meno, il papà e la mamma sono e saranno per sempre figure di riferimento per tutti i bambini. A questo ennesimo tentativo di distruggere la nostra società, pretendendo di imporre un mondo alla rovescia, dobbiamo rispondere con forza facendo sentire in tutti gli ambiti possibili la nostra voce”.
“Siamo di fronte all’ennesima trovata delle scuole “sinistre”, afferma Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega Nord in Consiglio Regionale “Spero che i genitori si ribellino e chiedano l’allontanamento di queste educatrici dall’asilo. Non c’è limite al peggio. Il 19 marzo dovrebbe, a mio avviso, tornare festa nazionale come è stata in questo Paese fino al 1977, quando venne abolita su spinta dei sindacati e del Partito Comunista.  Ed ora i medesimi rappresentanti di quella cultura mondialista e omologante ne vorrebbero eliminare ogni traccia, ma ci opporremo con determinazione al sistematico annientamento delle nostre radici e delle nostre tradizioni. ”

13/03/16

MILANO‬ - CASE ALER, BONI: "Il controllo del territorio passa anche per il ripristino della legalità nelle case popolari"

Milano, 13 marzo 2016
In merito alla situazione in cui versano le case popolari, alle prese con l'incremento dei casi di morosità e occupazioni abusive, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord di Milano, Davide Boni:
"È necessario interrompere il circolo vizioso che la Giunta Pisapia ha ignorato in tutti questi anni, tanto che il numero degli sgomberi è drasticamente calato e la lotta all'abusivismo ha subito una improvvisa battuta di arresto".
"È infatti del tutto evidente - spiega Boni - che se i casi di morosità interessano quasi la metà degli alloggi popolari, lo stesso gestore non ha le risorse da investire per la manutenzione degli stabili". 
"È inammissibile che famiglie che hanno il diritto ad avere una casa popolare - chiosa Boni - restino per anni inseriti in una graduatoria infinita, mentre c'è chi occupa senza diritto un appartamento e altri ancora chr neppure pagano gli affitti, peraltro a canoni più che agevolati". 
"La Giunta Pisapia non ha fatto nulla neppure su questo fronte, tanti che ormai gli anziani che abitano nelle case popolari non possono piu' uscire per il timore di vedersi occupato illegalmente l'alloggio ".

"La sicurezza e il presidio reale del territorio - conclude Boni - passano anche attraverso la lotta all'abusivismo e il rispetto delle regole. Altrimenti il degrado, così come sta avvenendo, avrà la miglio. Questa sarà una delle battaglie che intendiamo portare avanti, per avere una gestione efficiente e corretta delle case popolari".

09/03/16

ON. GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD) – TERRORISMO: PREFETTURA DI MILANO REVOCHI SUBITO IL BANDO PER ACCOGLIERE 4500 PROFUGHI. NON CI SONO LE CONDIZIONI

La Prefettura di Milano blocchi subito il bando per l’accoglienza di 4500 richiedenti asilo nel territorio della città metropolitana.
Non ci sono le condizioni logistiche e quelle di sicurezza.
A denunciare che non ci sono le condizioni logistiche sono gli stessi sindaci: oggi nove sindaci dell’area sud di Milano, per la precisione i sindaci dei comuni di Melegnano, San Donato, Carpiano, Cerro al Lambro, Colturano, Dresano, San Zenone, Vizzolo e San Giuliano, chiedono che non vengano inviati nuovi immigrati sui loro territorio in quanto le teoriche strutture deputati ad accoglierli non sono a norma o sono sature e in ogni caso le loro piccole comunità locali non sono in grado di reggere all’arrivo di queste persone.
E sul fatto che manchino le condizioni di sicurezza lo dimostra l’arresto odierno di un richiedente asilo somalo ospitato in una struttura di accoglienza in Molise, dove stava facendo proselitismo per la causa jihadista tra gli altri immigrati ospitati nella struttura e dove stava progettando un attentato a Roma.
C’è un allarme dei servizi segreti, e uno analogo della Nato, sulle infiltrazioni di jihadisti e foreign fighter tra i richiedenti asilo sbarcati in Italia: prima di pensare di smistare queste persone sul nostro territorio occorre identificarle ed essere certi della loro provenienza e delle loro intenzioni, cosa che al momento non è possibile.
Per questo come Lega Nord riteniamo necessario che la Prefettura di Milano revochi immediatamente il bando per l’accoglienza di questi 4500 richiedenti asilo.”

Lo affermano l’on. Paolo Grimoldi, Segretario della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord, e Davide Boni, Segretario della Lega Nord Milano

08/03/16

GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD) – NUOVO BUCO NEI CONTI EXPO? ADESSO GIUSEPPE SALA DEVE FARE CHIAREZZA UNA VOLTA PER TUTTE

“Non passa giorno senza che sui quotidiani milanesi escano articoli sui buchi in bilancio della società Expo. Nei giorni scorsi è stato scritto che il buco complessivo ammonterebbe a circa 242 milioni di euro e che il bilancio 2015 della società Expo spa presenterebbe un rosso di 32,6 milioni e un patrimonio netto negativo di 44,1 milioni. E su questo non sono arrivate smentite pubbliche da Giuseppe Sala. Oggi leggiamo di un nuovo buco, circa 48 milioni, soldi pubblici da mettere necessariamente entro fine mese altrimenti non potranno proseguire i lavori di smantellamento dell'area. A questo punto Giuseppe Sala, di fronte a questi numeri, deve fare chiarezza una volta per tutte e deve farla subito, una chiarezza che deve alle istituzioni ma soprattutto ai cittadini milanesi cui ha più volte garantito in occasioni di incontri pubblici o di interviste rilasciate prima delle elezioni primarie del centrosinistra che non ci sarebbe stato alcun rosso nei conti Expo.”.
Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, segretario della Lega Nord Milano.

07/03/16

MILANO – BANDO LAVORO DISABILI BONI : “INACETTABILE CHE A PAGARE SIANO SEMPRE I PIU’ DEBOLI"


In merito ai ritardi nella pubblicazione del bando dedicato all’inserimento dei disabili nel mondo del lavoro da parte della Città Metropolitana, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide BONI: 
“Le prime conseguenze dell’abolizione delle Province, sbandierata come uno spot elettorale dalla sinistra, - commenta Boni - non tardano ad arrivare. Mentre la Regione Lombardia ha già stanziato quasi 10 millioni di euro alla Città Metropolitana per avviare il bando finalizzato a sostenere l’assunzione di migliaia di disabili presso le aziende, il tutto resta bloccato negli uffici della ex Provincia di Milano per carenza di personale”. 
“Una follia, - sottolinea Boni – che rischia di restare nel silenzio, perché è inammissibile che la priorità sia stata quella di smantellare gli uffici, lasciando a casa anche coloro che da anni seguivano bandi molto importanti da un punto di vista non solo di integrazione lavorativa ma anche sociale”. 
“Pisapia è anche Sindaco della Città Metropolitana – chiosa Boni – ma anche su questo fronte tutto tace. Il prossimo Sindaco di Milano sarà chiamato ad assumersi maggiori responsabilità anche e soprattutto nei confronti dei disabili: è inaccettabile che nel 2016 Milano non sia ancora a tutti gli effetti una città a misura di portatori di handicap”. 
“L’abbattimento delle barriere architettoniche e una maggiore attenzione nell’inserimento lavorativo, per esempio attraverso una gestione migliore della Città Metropolitana, dovranno essere in cima agli obiettivi di governo, collaborando attivamente con le associazioni dei disabili. E’ infatti ora di finirla che a pagare per le inadempienze di altri siano sempre le categorie più fragili e indifese”.

04/03/16

MILANO – TEATRO LA SCALA BONI: “GIUNTA INTERESSATA FINO ALL’ULTIMO ALLA DISTRIBUZIONE DI INCARICHI”


In merito alle paventate nuove nomine in seno al Teatro della Scala di Milano, è intervenuto il Segretario provinciale di Milano, Davide BONI:
“ Sarebbe gravissimo se la notizia della nomina imminente del nuovo Vicepresidente della Scala da parte di Pisapia fosse confermata. Una forzatura a pochi mesi dalle elezioni – commenta Boni – che la dice lunga sulla necessità della Giunta uscente di partecipare ad una mera spartizione di poltrone e incarichi, piuttosto che concentrarsi per portare a termine almeno una iniziativa a favore di Milano e dei milanesi”
“Ci auguriamo che tutto ciò non accada – conclude Boni – perché sarebbe l’ennesima azione politica fine a se stessa e con tutti i problemi che ci sono a Milano la distribuzione di incarichi così importanti dovrebbe essere l’ultimo problema di Pisapia, evidentemente troppo concentrato a mettere in difficoltà la prossima Giunta di Milano…..”

03/03/16

GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD) – BUCO EXPO DA 242 MLN: GRAVISSIMO CHE GIUSEPPE SALA ABBIA MENTITO E LO ABBIA FATTO DURANTE LE PRIMARIE. SI RITIRI SUBITO DALLA CORSA A SINDACO DI MILANO

“Sui conti di Expo, quelli veri, non c’è mai stata chiarezza e continua a non esserci chiarezza ma se è vero quanto affermato oggi dal ‘’Fatto quotidiano’, ovvero che il buco complessivo ammonta a circa 242 milioni di euro e che il bilancio 2015 della società Expo spa presenta un rosso di 32,6 milioni, e un patrimonio netto negativo di 44,1 milioni, allora significa che Giuseppe Sala, su questo più volte interpellato pubblicamente, ha mentito, ai cittadini milanesi e al popolo delle primarie del centrosinistra.

Tutto questo è ancora più grave perché Giuseppe Sala ha più volte garantito in occasioni di incontri pubblici o di interviste rilasciate prima delle elezioni primarie del centrosinistra del 6 e 7 febbraio, ma anche in occasione della sua audizione davanti alle commissioni del Comune di Milano a fine gennaio, che non ci sarebbe stato alcun rosso nei conti Expo, mentre dal bilancio allegato al verbale dell’assemblea dei soci, guarda caso tenutasi il 9 febbraio ovvero due giorni dopo le primarie, il rosso in bilancio risulta eccome.
E’ chiaro che se le cose stanno così e Sala ha davvero mentito sui conti dell’Expo allora deve ritirarsi, e deve farlo subito, dalla corsa a candidato sindaco di Milano, per rispetto dei milanesi, di quelli del centrosinistra che lo hanno votato alle primarie e dei concorrenti battuti”.

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, segretario della Lega Nord Milano