31/01/16

MILANO – PRIMARIE PD - Boni: “Anche per Sala moschee e immigrati vengono al primo posto”


In merito al confronto tra i quattro candidati per le primarie del PD milanese, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord di Milano, Davide Boni:

“Costretto a rincorrere i compagni candidati alle primarie per la carica di candidato Sindaco – ironizza Boni- anche Beppe Sala ha dovuto giocare la carta di uno dei temi più cari alla propaganda del PD milanese, ovvero la questione delle moschee e degli immigrati”.
“Messo all’angolo dalle accuse rivolte dagli altri membri di partito sull’annosa questione dei conti di Expo, – sottolinea Boni – Sala ha dovuto dire necessariamente qualcosa di sinistra e mai come il tema immigrazione e moschea a Milano trova terreno fertile in un certo elettorato del PD”. 
“Il fatto che Sala abbia candidamente commentato che, di fatto, fra dieci anni non ci sarà alcuna differenza tra un immigrato e un milanese e che tutta la città metropolitana dovrà affrontare il tema delle moschee, - commenta Boni – la dice lunga sul fatto che i quattro candidati del PD abbiano totalmente gettato la maschera, rivelando quali siano le loro priorità”. 
“Dal canto nostro ribadiamo che chi non ha alcuna intenzione di mettere al primo posto Milano e soprattutto i milanesi – conclude Boni – farebbe solo bene a non candidarsi a Sindaco del Capoluogo lombardo”.

30/01/16

#GRIMOLDI E #BONI (LEGA NORD) – PISAPIA RITIRI DELEGHE A MAJORINO DOPO INSULTI ALLE FAMIGLIE: %MILANO NON MERITA UN ASSESSORE COSÌ INDEGNO

“Le famiglie che hanno partecipato oggi al 'Family day' sono la parte peggiore dell'Italia?
Lo stress per le primarie forse ha fatto uscire di testa l'assessore Majorino, ma queste parole vergognose sono inaccettabili.
Anche se la legislatura è agli sgoccioli e Pisapia sta facendo gli scatoloni non può consentire che un suo assessore insulti le famiglie in generale e le famiglie milanesi che hanno scelto di aderire o partecipare al 'Family day': per cui Pisapia ritiri subito le deleghe assessoriali a Majorino e lo cacci immediatamente dalla sua giunta.
Milano non merita un assessore così".

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, Segretario della Lega Nord Milano.

28/01/16

GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD) – MILANO NUOVAMENTE OSTAGGIO DEI SOLITI VIOLENTI DEI CENTRI SOCIALI: LA LEZIONE DEL 1° MAGGIO NON E’ SERVITA?

“Purtroppo la lezione del primo maggio scorso non è servita alle autorità milanesi e Milano rischia di essere ancora una volta messa a ferro e fuoco da manipoli di delinquenti che sanno solo ricorrere alla violenza e non hanno il minimo rispetto per la democrazia e la libertà di pensiero altrui. 
La presenza questo pomeriggio di Marine Le Pen, e degli altri esponenti del gruppo ENF a Milano, rappresenta un momento di confronto e dibattito nella più assoluta civiltà e democrazia, diritti sanciti dalla nostra Costituzione. 
Eppure da ieri, in città, per colpa dei soliti noti dei centri sociali e dei gruppi antagonisti si respira un clima di intimidazione e di tensione. Prima la vernice rossa gettata sui muri della sede della Lega Nord di via Bellerio, oggi il letame versato sui marciapiedi di via Gattamelata. 
Auspichiamo che questi teppisti dei centri sociali e dei gruppi antagonisti ci risparmino ulteriori violenze purtroppo già viste a Milano. 
E vista la totale assenza di adeguate misure di contrasto, da parte del ministro dell’Interno, a questa forma di delinquenza, ci auguriamo che la situazione nel pomeriggio non degeneri, come accaduto lo scorso primo maggio: Milano non merita di subire un simile oltraggio un’altra volta”.

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, Segretario della Lega Nord Milano.

26/01/16

GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD) – A MILANO ALTRI 4500 PROFUGHI SARANNO MANTENUTI A SPESE DEI CONTRIBUENTI. MA PERCHÉ I CITTADINI MILANESI VENGONO SEMPRE PER ULTIMI?


“A Milano i cittadini milanesi sono sempre gli ultimi nella scala di priorità del Comune o della Prefettura.
Poche settimane fa il Comune di Milano ha pubblicato il bando per chiedere ai cittadini di ospitare in casa propria dei richiedenti asilo in cambio di 350 euro, bando chiuso con il flop di appena 40 adesioni, adesso invece è la Prefettura a pubblicare un bando per l'affidamento del servizio di accoglienza, gestione dei servizi nei confronti di 4500 cittadini stranieri che richiedono protezione internazionale a Milano e provincia. 
Questo significa che le solite cooperative amiche della sinistra ingrasseranno con i contributi erogati dalle istituzioni, ovvero con i soldi dei cittadini, per mantenere questi 4500 richiedenti asilo di cui meno del 10%, come ampiamente dimostrato dalle statistiche fornite dalle organizzazioni internazionali, otterranno lo status di rifugiato.
Ma perché bisogna spendere tutti questi soldi per migliaia di clandestini, e far arricchire le cooperative degli amici degli amici, quando abbiamo dei nostri cittadini che muoiono di freddo per strada, come accaduto sabato notte con il clochard in piazza Cinque Giornate, o tanti anziani, disoccupati, malati o invalidi in grave emergenza abitativa o economica?"

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, Segretario della Lega Nord Milano.

22/01/16

MILANO – INCARICHI EXPO E FIERA MILANO BONI: SALA, UOMO SFORTUNATO….”

In merito a quanto dichiarato da Giuseppe Sala in una conferenza stampa, in merito ad alcuni incarichi affidati in ambito di esecuzione dei lavori per Expo, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“Sala ha ragione: è ora di finirla di prendersela con lui – ironizza Boni – e pensare sempre male per i contratti milionari di Expo: in fondo non è colpa sua se tra le centinaia di migliaia di professionisti, che quotidianamente lavorano in Lombardia, tra i fortunati scelti per incarichi di tutto rispetto in seno AD Expo c’è anche chi ha svolto dei lavori di manutenzione nella sua casa al mare”
“Una strana coincidenza, – continua Boni – che in nome di un non ben precisato principio di continuità, spalmato su una serie di progetti, ha consentito di aggirare l’ostacolo previsto dalle normative nazionali sul tema degli affidamenti diretti degli incarichi, che di fatto impongono delle gare pubbliche nel caso si superino i 40.000 euro”.
“Insomma, – conclude Boni – se non ci fossero di mezzo soldi pubblici ci sarebbe da sorridere dinanzi al fatto che chi aspira a svolgere il ruolo di Sindaco di Milano non sappia dare delle motivazioni concrete e credibili sulla questione di affidi e parcelle che riguardano Expo”
“Una sfortuna – chiosa Boni - che perseguita anche gli altri due archistar del team stellare di Expo, alle prese anche loro somme di incarichi che toccano cifre considerevoli”.

MILANO - AGGRESSIONI BONI‬: “BASTA CONSIDERARE LE DONNE COME OGGETTI”


Milano, 22 Gennaio 2016
In merito agli ultimi episodi di violenza nei confronti di alcune donne, avvenuti a Milano, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“Ribadiamo, se ancora ce ne fosse bisogno, come sia inammissibile il fatto che, nel 2016, ci sia ancora chi tratta le donne come meri oggetti, mostrando nessun tipo di rispetto nei confronti della persona. Un atteggiamento che, purtroppo, riscontriamo in molti episodi generati da una cultura, quella islamica, che impone, fra l’altro, l’uso obbligato del velo ad un essere umano senza che vi sia alcun diritto di scelta.
E’ altresì intollerabile – sottolinea Boni – quanto avvenuto nella stazione di Molino Dorino, dove solo grazie all'intervento dell'addetto ATM e di un passeggero è stato impedito che un’odiosa molestia sessuale da parte di un egiziano di 25 anni nei confronti di una diciottenne si trasformasse in qualcosa di ancor più grave.
Spero che chiunque si senta in diritto di compiere atti ignobili come questi venga immediatamente espulso: Milano non può più tollerare la presenza di chi rifiuta la pari dignità tra persone di sesso diverso"

21/01/16

GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD) – A MILANO ENNESIMO CASO DI STUPRO COMMESSO DA IMMIGRATI. TUTTI PARLANO DELLE VIOLENZE DI COLONIA MA TACCIONO SU QUELLE DI CASA NOSTRA

“L'ennesimo caso di stupro a Milano in questo inizio di 2016, terribile per il numero di aggressioni e violenze commesse, per ora sempre da immigrati, nei confronti di giovani donne.
Due stupri da parte di 'latinos' nei giorni scorsi, l'altro ieri un nord africano che si avventa su una ragazza in metropolitana e solo per la reazione di lei non riesce a violentarla, oggi la denuncia di una 18enne sequestrata, aggredita e violentata da un giovane egiziano con la complicità di un amico connazionale.
Leggiamo ogni giorno articoli, commenti ed editoriali sulla terribile notte di Colonia ma questi gravi fatti che stanno accadendo a Milano continuano a passare sotto un silenzio complice.
Ora basta, serve il pugno duro contro questi crimini così odiosi".

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, Segretario della Lega Nord Milano.

MILANO – DEGRADO NAVIGLI Boni: “scenario avvilente”

“E’ avvilente assistere alla trasformazione dei nostri Navigli in vere e proprie discariche a cielo aperto – commenta Boni – soprattutto alla luce del lavoro che io stesso ho avuto l’onore di avviare nel 2008 in Regione Lombardia per l’elaborazione dei piano territoriale d’area dei Navigli”
“L'area dei Navigli – spiega Boni - costituisce un ambito di significativo valore storico, ambientale, economico e culturale, divenuto negli anni uno degli elementi peculiari dell'identità regionale”.
“A vedere come sono ridotti oggi i Navigli - sottolinea Boni - viene proprio da pensare che la Giunta Pisapia non abbia avuto la stessa sensibilità della nostra Regione, tanto che alla faccia del tema delle vie d’acqua ed Expo oggi dai letti in secca emergono rifiuti di ogni tipo”.

“Uno scenario indegno, che non risparmia neppure la Darsena, – conclude Boni - che oggi rappresenta il triste biglietto da visita che Milano offre ai turisti che quotidianamente affollano l’area dei Navigli”.

20/01/16

BONI : "SALA, CAMPAGNA ELETTORALE NELLE SCUOLE PUBBLICHE?"

"Renzi ha regalato ai neo diciottenni cinquecento euro per acquisti culturali, Sala, sembrerebbe ne raccolga i frutti se fosse confermata la notizia che ieri ha tenuto una conferenza su Expo ai ragazzi di quarta e quinta, coincidenza strana proprio quelli che votano, nel liceo Vittorio Veneto, uno dei più blasonati della città." Questo il commento di Davide Boni, segretario della Lega Nord Milano. Che aggiunge: "Auspico che Sala smentisca questa voce che, se confermata, farebbe gridare allo scandalo."

19/01/16

MILANO - EXPO BONI: “SALA SCARICATO DA PISAPIA”


In merito alle dichiarazioni di Palazzo Marino, che di fatto smentisce di avere chiesto a Giuseppe Sala di prorogare l’impegno di amministratore delegato di Expo anche nel mese di gennaio, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide BONI:
“ Ormai – commenta Boni – la vicenda della permanenza di Giuseppe Sala a capo di Expo per un altro mese sta assumendo i colori di farsa tutta italiana: l’unico fatto certo è che le parole espresse da Pisapia smentiscono clamorosamente quanto sostenuto dallo stesso amministratore delegato”.
“Questa presa di distanze segna un solco profondo tra il candidato renziano alle primarie del PD e la Giunta milanese e segue solo di qualche giorno la figuraccia racimolata da Sala, quando utilizzò candidamente una sala pubblica di Expo per una riunione politica”.
“Un imbarazzo palpabile che evidenzia i limiti del PD milanese che per smarcarsi da un candidato troppo impegnato a promuovere se stesso , non esita a scaricarlo senza troppi convenevoli mentre verrebbe da chiedersi chi ha realmente voluto che l’amministratore delegato restasse al suo posto…..”.

MILANO – SCUOLE E CALDAIE ROTTE Boni: “mancanza di programmazione degli interventi”

In merito alle numerose segnalazioni da parte di studenti e cittadini sul mancato funzionamento delle caldaie in molti plessi scolastici del Comune di Milano, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni:

“Ogni anno è sempre la stessa storia – commenta Boni – non appena si avvicina l’inverno ecco che gli studenti milanesi devono mettersi il cuore in pace e affrontare il gelo anche nelle proprie aule scolastiche”.
“Pochi giorni fa le denunce dei genitori della scuola elementare di Via San Giacomo, con temperature record segnalate già a partire dal mese di novembre, – sottolinea Boni – mentre oggi si registrano quelle in zona Lampugnano, dove l’istituto omnicomprensivo da ottobre lamenta temperature ben al di sotto dei 18 gradi”.
“Forse bisognerebbe spiegare a chi vuole candidarsi alla carica di Sindaco – spiega Boni - che la buona amministrazione passa anche attraverso un’adeguata programmazione degli interventi di manutenzione nelle nostre scuole, con la sostituzione delle caldaie laddove le riparazioni non siano più possibili”.
“Invece – chiosa Boni - c’è chi pensa che fare il sindaco, Sala docet, significhi stringere le mani dei potenti di turno, col marchio Expo sotto il braccio, o regalare moschee come Majorino”.
Chi non è in grado di garantire strutture scolastiche adeguate ai nostri figli – conclude Boni – non dovrebbe neppure aspirare a candidarsi….”.

GRIMOLDI E BONI (LEGA NORD): GIUNTA PISAPIA ESCA DAL 'LETARGO' ESMANTELLI LE 'FAVELAS' DI VIA IDRO E DI CALCHI TAEGGI



"I reportage pubblicati oggi su due diversi quotidiani milanesi sulle condizioni di degrado, sporcizia e illegalità nel campo rom di via Idro, dove per stessa ammissione dei residenti è tutto permesso, e in quello sorto recentemente nell'ex cava Calchi Taeggi a due passi dalla stazione della metropolitana di Bisceglie, dove decine di rom si sono insediati abusivamente, fanno rabbrividire.
Si tratta di 'favelas' sotto gli occhi di tutti, tranne della giunta Pisapia, in perenne letargo sui temi della sicurezza e del degrado nelle periferie.
A questo punto, come Lega Nord, chiediamo che si prosegua celermente nello sgombero del campo di via Idro, ignorando le petizioni con cui si cerca di salvarlo, e si intervenga immediatamente per sgomberare l'ex cava Calchi Taeggi, ripristinando la legalità per poi poter eseguire le necessarie bonifiche.
Pisapia si svegli, Milano non può accettare di avere simili 'favelas' nelle sue periferie".

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, Segretario Nazionale della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord, e Davide Boni, Segretario della Lega Nord Milano.

18/01/16

‪#‎GRIMOLDI‬ E ‪#‎BONI‬ (LEGA NORD): ESPELLERE SUBITO I NIGERIANI DEL CENTRO DI VIA ALDINI CHE SABATO SERA SI SONO RIBELLATI PERCHÉ È STATA SERVITA LORO LA PASTA E NON IL RISO

"Chiediamo alle autorità preposte di attivarsi immediatamente e identificare i responsabili delle protesta avvenuta sabato sera a Milano nel centro di accoglienza di via Aldini, dove i 200 immigrati nigeriani richiedenti asilo, ospitati a spese dei contribuenti, si sono ribellati perché il servizio ristorazione ha servito loro della pasta al sugo e non del riso a loro più gradito, costringendo la Polizia ad intervenire per sedare gli animi e riportare la calma.
Espellere i responsabili di questa ribellione è il minimo, ma forse sarebbe opportuno allontanare tutti questi 200 clandestini e dare anche un segnale forte: a Milano ci sono decine di migliaia di persone in difficoltà che la sera fanno fatica anche ad avere la possibilità di farsi un piatto di pasta ed è assurdo che chi è qui clandestinamente, mantenuto dalla collettività, possa permettersi di minacciare e obbligare all'intervento delle forze dell'ordine solo perché non gradisce il riso..."

Lo dichiarano l'on.Paolo Grimoldi, Segretario Nazionale della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord, e Davide Boni, Segretario della Lega Nord Milano.

MILANO‬ – ELEZIONI AMMINISTRATIVE USO AREE "EXPO" Boni‬: “per il PD il conflitto di interessi è a senso unico”


In merito alle ultime uscite pubbliche del Candidato alle Primarie del PD, Giuseppe Sala, è intervenuto in Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“E’ curioso assistere a come la sinistra, che più di una volta si è lanciata in vere e proprie crociate, sempre condotte a senso unico, sul tema del conflitto di interessi, - commenta Boni – ora tace dinanzi a chi, ad oggi ancora commissario Expo e candidato alle primarie del Pd, utilizza candidamente una sede pubblica per una riunione in cui l’esposizione universale non c’entra assolutamente nulla”. 
“Una situazione surreale – sottolinea Boni - in cui di fatto ci troviamo dinanzi all’ex city manager per Letizia Moratti che ora si appropria di un evento planetario, sfruttandolo come vetrina per la propria corsa alle primarie”.
“Come possono i milanesi – conclude Boni – affidarsi a chi si chiude nelle stanze di Expo, con il beneplacito di tutto il PD, come fosse casa propria? Milano ha bisogno di persone che realmente conoscono i problemi della città e non di chi mette il proprio ego dinanzi alle esigenze dei propri concittadini”.

16/01/16

MILANO – MIGRANTI BONI: “Milano respinge al mittente le iniziative demagogiche della Giunta Pisapia, solo 40 famiglie hanno aderito al bando accogli un immigrato"


In merito ai primi dati che indicherebbero che solo 40 famiglie hanno risposto al bando emesso dal Comune di Milano per ospitare a casa propria un rifugiato in cambio di un contributo di 350 euro al mese, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“Su una popolazione di oltre un milione e trecento mila abitanti – commenta Boni – il fatto che poche famiglie abbiano aderito al bando per accogliere un aspirante profugo, significa che la quasi totalità milanesi ha rispedito al mittente l’iniziativa puramente demagogica messa in atto dalla Giunta Pisapia.
“Un razzismo al contrario, che di fatto introduce pericolosamente nel nostro tessuto sociale persone che non hanno alcuno status internazionale, e che ha avuto l’unico merito di svegliare le coscienze dei milanesi, in balia di una Giunta che ha sempre e solo messo all’ultimo posto coloro che per colpa della crisi hanno perso tutto”.
“Soldi, quelli utilizzati da Pisapia e compagni, – sottolinea Boni - che sono il frutto del lavoro e delle tasse pagate dai milanesi e che dovrebbero essere reinvestiti come forma di sostegno a beneficio di chi ha sempre vissuto e lavorato a Milano”.
“Mi auguro che a questo punto la Giunta abbia almeno la decenza di annullare tutto, - conclude Boni - convertendo questo bando scellerato in un pronto sostegno a favore di quelle famiglie milanesi in difficoltà a pagare affitti o mutui e che non sanno più come fare per garantire un futuro dignitoso ai propri figli”.

15/01/16

#MILANO – ELEZIONI COMUNALI, BONI: DIALOGO POSSIBILE SOLO CON CHI CONDIVIDE BATTAGLIE COMUNI


Milano, 16 gennaio 2016
In merito allo scenario politico, e alle possibili alleanze in vista delle prossime elezioni amministrative a Milano, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni:

“Sul tema alleanze in vista delle elezioni comunali di Milano, – commenta Boni – il dialogo è possibile con chi, fin da subito, decide di condividere con la Lega Nord battaglie comuni, non solo a livello territoriale, ma anche nazionale”.

“Per esempio il fatto che l’Ncd tenga ancora oggi in piedi un Governo non eletto dal  popolo, che ogni giorno pone sul tavolo tematiche non prioritarie per il paese, come l’abolizione del reato di clandestinità o le adozioni per le coppie omosessuali – sottolinea Boni – ci lascia più che perplessi sui rapporti che ci potranno essere in futuro”.

“Sarebbe infatti sbagliato e incoerente – spiega Boni – dare per scontato alleanze con chi consente che vengano introdotte o, peggio ancora, vengano abolite normative, come quelle relative al reato di clandestinità, che inevitabilmente avranno ricadute negative anche sulla nostra città di Milano”.

“Sicuramente il dialogo sarà possibile con chi dimostra, sia a livello locale che nazionale, - conclude Boni - di avere a cuore sul serio il futuro del capoluogo lombardo, non di certo con chi pretende di  giocare in maniera diversa a seconda del tavolo al quale si trova seduto.  E la coerenza, semmai  sussita, si dimostra  staccando la spina ad un governo abusivo”.

14/01/16

MILANO‬ - SICUREZZA, BONI: UN BOLLETTINO DI GUERRA QUOTIDIANO

In merito al dilagare delle violenze ad opera di esponenti di gang di latinos sul territorio milanese, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
"Un bollettino di guerra ormai quotidiano - commenta Boni - che si registra sul territorio milanese, con gravi episodi di violenza commessi da giovani facenti parte delle cosiddette gang di latinos".
"Così come ha correttamente evidenziato l'On. Grimoldi, - sottolinea Boni - è ora che il Ministro dell' Interno si preoccupi di ciò che sta avvenendo a Milano, inviando le forze dell'ordine ed evitando che la situazione degeneri ulteriormente".
"Certe situazioni vanno infatti arginate immediatamente, identificando fin da subito chi sono i responsabili di questi ignobili atti di violenza, senza che più nessuno consideri la nostra Milano come una terra di conquista, dove tutti pensano di poter fare ciò che vogliono nell'impunità totale".

13/01/16

MILANO‬. I GIOVANI DEL PD AL CORSO DI COLTIVAZIONE DELLA CANNABIS. BONI : “SONO QUESTE LE NUOVE PROFESSIONI DI RENZI?"

Milano, 13 Gennaio 2016
Solo quindici euro per iscriversi compresi una birra, una copia del volume ‘La marijuana in salotto’ ed un seme della medesima. Questa la dotazione scolastica dei giovani del PD che da sabato 16 frequenteranno un corso sulla coltivazione della cannabis per uso terapeutico e non.
Sulla notizia è intervenuto il segretario di Lega Nord Milano, Davide Boni : “Mi sembra che i giovani del PD milanese anticipino un po’ troppo la discussione in atto sulla libera detenzione delle droghe leggere. Qui siamo alla definizione di una nuova professione, quella di coltivatore di marijuana. Onestamente – prosegue Boni – senza entrare nel merito della discussione relativa alla detenzione, preferirei in futuro continuare a vedere in giro per Milano piante ornamentali ed aiuole coltivate piuttosto che infiorescenze di cannabis. Attendiamo solo il riconoscimento del corso da parte del Ministero dell’Istruzione…….”

12/01/16

MILANO – SICUREZZA E FURTI Boni: “ormai nessuno è più al sicuro”


In merito all’aggressione da parte di due ladri ai danni di un ragazzo di 14 anni che rincasando da scuola ha trovato i malviventi nel proprio appartamento, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“Un inizio di settimana nero per Milano, – commenta Boni - la notizia di due ragazzini minacciati con un bisturi in metrò e la terribile aggressione nei confronti di un giovane di 14 anni, accoltellato dai rapinatori in casa propria, confermano che la situazione è ormai al di fuori di ogni controllo
Nessuno, neppure i più giovani, possono sentirsi al sicuro, presi di mira da malviventi senza scrupoli che sono totalmente liberi di delinquere per tutta Milano, restando impuniti.
Nessuno della Giunta Pisapia – conclude Boni - è infatti ancora intervenuto convocando con urgenza un tavolo sulla sicurezza e attuando misure per tentare di arginare e prevenire ciò che sta avvenendo, accelerando nel contempo gli sgomberi di tutte le zone d’ombra presenti nel capoluogo lombardo”.
I candidati alle primarie del Pd – sottolinea Boni - invece di fare a gara a chi la spara più grossa, dovrebbero preoccuparsi seriamente del degrado che ormai sta attanagliando Milano, assumendosi la responsabilità di mettere in campo un controllo capillare del territorio.

11/01/16

VANDALISMO ED AGGRESSIONI SUI MEZZI PUBBLICI. BONI “LA SINISTRA LASCIA MILANO IN PREDA ALLE GANG CLANDESTINE”


Ennesimo episodio di microcriminalità sulla linea 56 in viale Padova dove alcuni sudamericani irregolari e ubriachi hanno devastato un autobus, ferito un passeggero e terrorizzato gli altri occupanti.
“Questi sono i risultati delle politiche della sinistra a Milano”, sottolinea Davide Boni, segretario cittadino della Lega Nord, “bande di immigrati clandestini che circolano indisturbati in città, seminando devastazione e terrore. Quando la sinistra governa Milano” prosegue Boni, “la concezione stessa della metropoli europea viene messa in discussione dai fatti. La città multietnica è qualcosa di ben diverso da quanto offertoci dalla sinistra. La multietnicità funziona quando esiste una concorrenza di valori e non quando si pretende di inserire, magari a scopo puramente elettorale, persone che nulla di positivo hanno da offrire alla nostra città. E’ ormai risaputo che la sinistra al governo di Milano significa deprimere il tessuto sociale sano a vantaggio dei potenziali votanti PD di domani recuperati regalando cittadinanze a chiunque, come nello ius soli, senza discriminazione tra le persone oneste e quelle che stanno occupando la nostra città nella totale illegalità

09/01/16

MILANO - BONI: NO AL VOTO AGLI STRANIERI. PER COMUNE DI MILANO VENGONO SEMPRE PRIMA GLI IMMIGRATI

Prendo atto che dopo le sparate dell’altro candidato alle primarie del Pd, Majorino, ora dobbiamo aggiungere anche quelle del vicesindaco di Milano, Francesca Balzani, che ritiene probabilmente una priorità per il capoluogo lombardo e per tutti i Comuni che vanno alle elezioni amministrative quella di concedere il diritto di voto a tutti gli stranieri presenti in Italia. Agire in questo modo, senza alcun criterio, sarebbe un altro passo verso la svendita del nostro paese di un diritto estremamente importante. Nel caso non se lo ricordassero, chiunque può intraprendere il percorso per ottenere la cittadinanza italiana, senza utilizzare facili scorciatoie che non servono a nessuno, in primis a tutti gli stranieri che da anni lavorano in Italia e hanno rispettato tutte le tappe necessarie per accedere al voto. Queste affermazioni sono molto preoccupanti perché evidenziano una sinistra che sia a livello locale che nazionale ormai sul tema dell’immigrazione ha perso il contatto con la realtà e con le sue scellerate proposte porta solo a determinare il caos sociale. Una sinistra che confonde ancora una volta il termine “integrazione” con quello di “annientamento” della nostra cultura e dei nostri valori”.

MILANO – SGOMBERO CAMPO NOMADI DI VIA IDRO BONI: “IL COMUNE VADA FINO IN FONDO"

Milano, 9 Gennaio 2016

In merito all’annunciato sgombero del campo nomadi di Via Idro, è intervenuto il Segretario provinciale della Lega Nord, Davide Boni:

“Dopo anni di scorribande – commenta Boni – ora gli occupanti del campo nomadi di Via Idro si appellano al Comune di Milano affinché non proceda allo sgombero, arrivando persino ad inventare una ipotetica pacifica convivenza con i cittadini milanese del quartiere”.

“Una situazione surreale quella dipinta dai nomadi che si scontra con la realtà dei fatti, con i residenti stanchi di subire furti e continue vessazioni proprio da chi ha fino ad oggi ha occupato l’area di Via Idro infischiandosene delle basilari norme della convivenza civile”.

“Mi auguro – conclude Boni – che almeno per questa volta la Giunta milanese non ceda alle pressioni politiche dell’estrema sinistra e alle inutile lacrime di coccodrillo dei nomadi e vada fino in fondo, ascoltando finalmente le lamentele dei cittadini e ridando con questo sgombero la dignità che questa zona di Milano merita di avere”

07/01/16

SICUREZZA‬, BONI‬: SU OMICIDIO STRADALE PD MILANESE FACCIA SENTIRE LA PROPRIA VOCE

In merito alla vicenda che ha coinvolto il pirata della strada brasiliano che, nonostante il grave incidente provocato a Milano investendo uno scooter con due persone a bordo, è stato scarcerato e messo agli arresti domiciliari, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“Un silenzio assordante quello che ha improvvisamente colpito i candidatialle primarie del PD milanese – commenta Boni - che probabilmente, non trattandosi di moschee o di bandi a favore dei clandestini, hanno perso la consueta loquacità su un tema assolutamente importante, non solo per Milano, ma per tutto il Paese, ovvero quello riguardante le norme sull’omicidio stradale
Già, perché il brasiliano che la scorsa notte ha rischiato di uccidere due persone a bordo di uno scooter, non solo non aveva documenti di guida regolari, ma era ubriaco e sotto effetto di sostanze stupefacenti, e dopo lo schianto è fuggito dal luogo dell’incidente. Non bastasse tutto questo, la giustizia è stata celere, tanto che dopo poche ore il brasiliano vedeva aprirsi le porte del carcere e fare ritorno a casa, restando ai domiciliari.
Una beffa, in una situazione che purtroppo è il tragico specchio di tante altri incidenti avvenuti a Milano negli ultimi anni.

Il Capoluogo lombardo – conclude Boni - deve gridare la propria indignazione ad un Governo Renzi che da mesi promette un giro di vite sull’omicidio stradale, ma che privilegia evidentemente altre tematiche non prioritarie nel nostro Paese, come le adozioni gay.
Mi auguro che, anche se non si tratti di aprire moschee o di clandestini, il Pd milanese faccia la sua parte”

04/01/16

Boni e Bastoni: "Assessore gay? Un'inutile trovata elettorale"


In seguito alle dichiarazioni dell'Assessore Majorino, con le quali esprimeva la sua volontà di avere un assessore omosessuale in una sua eventuale giunta, sono intervenuti Davide Boni e Massimiliano Bastoni, rispettivamente Segretario Provinciale e Consigliere Comunale di Milano della Lega Nord.
" Quella di Majorino non può che essere considerata una trovata elettorale per racimolare qualche voto dagli elettori omosessuali, i quali sono i primi a capire che si tratterebbe di una vera e propria discriminazione anche nei loro confronti. Gli assessori vanno scelti in base alle loro competenze e capacità e non secondo i loro orientamenti sessuali. Ci domandiamo quale credibilità possa avere un candidato Sindaco che faccia tali dichiarazioni." 
Ha dichiarato Davide Boni
" Le dichiarazioni di Majorino dimostrano per l'ennesima volta come la Sinistra milanese sia priva di contenuti; come se bastasse essere omosessuale per risolvere i problemi che lascerà la famigerata giunta 'arancione'. Noi vogliamo una giunta formata da persone capaci di rilanciare la nostra amata città; che siano omosessuali o eterosessuali a noi poco importa" ha aggiunto Massimiliano Bastoni.

03/01/16

‪GRIMOLDI‬ E ‪‎BONI‬ (LEGA NORD): “DAL COMUNE DI ‪#‎MILANO‬ 400 EURO PER CHI OSPITA UN IMMIGRATO? QUESTI SOLDI DEVONO ANDARE AI MILANESI IN DIFFICOLTA’, NON AI CLANDESTINI”


"E’ incredibile che per il Comune di Milano la priorità per questo avvio di 2016 sia trovare nuovi alloggi per i clandestini, attraverso un bando, pubblicato sul sito di Palazzo Marino, dove vengono messi a disposizione dai 350 ai 400 euro al mese per chi si offre di ospitare a casa propria un profugo o rifugiato. Verrebbe da pensare che il Comune di Milano non abbia altri problemi di politiche sociali da affrontare se la giunta arancione di Pisapia può permettersi di mettere in cima alle priorità gli immigrati clandestini, anche se poi girando nelle periferie della città vediamo bene che non è così.” 
Lo affermano in una nota congiunta l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, e Davide Boni, Segretario provinciale della Lega Nord Milano, in relazione al bando del Comune di Milano, pubblicato il 30 dicembre per «l’accoglienza in famiglia di titolari di protezione internazionale».
“Questo bando è un insulto ai tanti cittadini milanesi in difficoltà. Questi 400 euro mensili – aggiungono Grimoldi e Boni – andrebbero destinati alle migliaia di anziani milanesi con pensioni minime che non riescono a pagare l’affitto e non hanno assistenza domiciliare e ai tanti disoccupati o genitori separati che finiscono a dormire in macchina e sono costretti a rivolgersi alla Caritas o alle mense per i poveri per riuscire a sopravvivere. Milano ha gravi emergenze sociali, emergenze sotto gli occhi di tutti, e non può permettersi di scialare quattrini per mantenere chi è clandestino, e dunque va espulso, oppure chi ha lo status di rifugiato e allora ha diritto ad un’ospitalità internazionale che certo non compete ad un Comune.”

MILANO - MOSCHEE. BONI: "Da Majorino parole irresponsabili"

In merito alle dichiarazioni dell’Assessore al welfare del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, sulla volontà di proseguire con il bando per l’assegnazione delle aree destinate ad accogliere nuovi luoghi di culto per le comunità islamiche, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni: "E’ bastato che il presidente della casa della cultura musulmana di Via Padova alzasse la voce minacciando di pregare in strada qualora il Comune di Milano non si fosse dato da fare per la realizzazione di nuove moschee, che subito l’Assessore e candidato alle primarie del PD, Majorino, si attivasse immediatamente. Stessa solerzia – commenta Boni – che Majorino dovrebbe adottare anche per le famiglie milanesi in attesa di una casa popolare e in difficoltà economica, invece di tuonare contro la sua stessa maggioranza come se il bando sui nuovi luoghi di culto fosse una priorità per Milano”. 
"I milanesi – continua Boni – devono sapere che il PD, ha tutta l'intenzione di andare avanti sul bando per la realizzazione di nuovi luoghi di culto per le comunità islamiche, nonostante una prima battuta di arresto nel mese di novembre da parte del Tar”. “Mentre tutti gli altri paesi europei, Francia in primis, dinanzi all’allarme terrorismo si stanno attivando per dare una giro di vite ai luoghi di culto non autorizzati incrementando i controlli, a Milano – sottolinea Boni – la Giunta Pisapia decide invece di andare nella direzione opposta, incentivando la realizzazione di nuovi luoghi di preghiera, senza prima procedere a chiudere quelli abusivi e a controllare gli imam e i frequentatori delle varie associazioni islamiche”. "Una grave irresponsabilità – conclude Boni - che si aggiunge a quella commessa da Renzi quando decise di impugnare dinanzi alla Corte Costituzionale la norma regionale lombarda, approvata nel 2015, per la regolarizzazione dei nuovi edifici di culto, colpevole probabilmente di avere introdotto, fra l’altro, regole urbanistiche più precise e dettagliate a beneficio di tutta la collettività”.