07/01/16

SICUREZZA‬, BONI‬: SU OMICIDIO STRADALE PD MILANESE FACCIA SENTIRE LA PROPRIA VOCE

In merito alla vicenda che ha coinvolto il pirata della strada brasiliano che, nonostante il grave incidente provocato a Milano investendo uno scooter con due persone a bordo, è stato scarcerato e messo agli arresti domiciliari, è intervenuto il Segretario Provinciale della Lega Nord, Davide Boni:
“Un silenzio assordante quello che ha improvvisamente colpito i candidatialle primarie del PD milanese – commenta Boni - che probabilmente, non trattandosi di moschee o di bandi a favore dei clandestini, hanno perso la consueta loquacità su un tema assolutamente importante, non solo per Milano, ma per tutto il Paese, ovvero quello riguardante le norme sull’omicidio stradale
Già, perché il brasiliano che la scorsa notte ha rischiato di uccidere due persone a bordo di uno scooter, non solo non aveva documenti di guida regolari, ma era ubriaco e sotto effetto di sostanze stupefacenti, e dopo lo schianto è fuggito dal luogo dell’incidente. Non bastasse tutto questo, la giustizia è stata celere, tanto che dopo poche ore il brasiliano vedeva aprirsi le porte del carcere e fare ritorno a casa, restando ai domiciliari.
Una beffa, in una situazione che purtroppo è il tragico specchio di tante altri incidenti avvenuti a Milano negli ultimi anni.

Il Capoluogo lombardo – conclude Boni - deve gridare la propria indignazione ad un Governo Renzi che da mesi promette un giro di vite sull’omicidio stradale, ma che privilegia evidentemente altre tematiche non prioritarie nel nostro Paese, come le adozioni gay.
Mi auguro che, anche se non si tratti di aprire moschee o di clandestini, il Pd milanese faccia la sua parte”

Nessun commento:

Posta un commento