24/08/12

A Milano solo il 10% delle segnalazioni dei ghisa vengono risolte e i cittadini ne pagano le conseguenze.


E' assolutamente giustificata e comprensibile la rabbia dei vigili di quartiere che denunciano la scarsa per non dire nulla collaborazione da parte del comune di Milano nel provvedere a risolvere le loro segnalazioni.
I vigili lamentano, oltre a dover usare attrezzature obsolete, il fatto che una volta inoltrata segnalazione agli uffici competenti, questi rispondano "verrà preso in carico entro la giornata" ma puntualmente il problema non viene risolto.
Sono dati ufficiali, quelli che dicono nero su bianco che su 30'000 segnalazioni effettuate dai ghisa a Palazzo Marino solo 3'000 vengono risolte, in percentuale è il 10%. Un dato allarmante e sconfortante se si pensa che le segnalazioni riguardano sicurezza, viabilità e rapporti coi cittadini.
L'assessore alla sicurezza Granelli, pur essendo consapevole dell'inefficienza, fa orecchie da mercante scaricando la colpa agli uffici che secondo lui hanno fatto "da scaricabarile per anni". Sarebbe coerente da parte di Granelli e di tutta la giunta rossa milanese farsi un esame di coscienza ed ammettere di non sapere affrontare e sopratutto risolvere un argomento delicato come quello della sicurezza a Milano. La città è sempre più in balia di una crescente criminalità, le strade non sono sicure, le piste ciclabili sono praticamente inesistenti, semafori e marciapiedi spesso fuori uso, per non parlare del pave' sconnesso di cui anch'io son stato vittima con rottura del cerchione della macchina.

Nessun commento:

Posta un commento