25/01/17

BONI E ON. GRIMOLDI (LEGA NORD) – È ALLARME VIOLENZA A MILANO. IERI UN 16ENNE ACCOLTELLATO, DUE GIORNI FA UN PESTAGGIO VIOLENTO FUORI DA UNADISCOTECA. I CITTADINI CHIEDONO SICUREZZA


"Un 16enne accoltellato da un coetaneo a Milano? Da padre, prima che da politico, resto sgomento dinanzi a notizie come queste che denotano la preoccupante facilità con la quale si può quotidianamente restare vittime di episodi di violenza, indipendentemente dal fatto che tu sia un giovane studente, una donna o un anziano. Il dato di fatto è che ormai viviamo quotidianamente in un clima di terrore, consapevoli di essere abbandonati a noi stessi in una Milano male amministrata da una giunta che sembra aver dimenticato tutte le promesse fatte in campagna elettorale sul tema del controllo del territorio”. 

Lo afferma - in merito al grave episodio di violenza avvenuto nei pressi del Politecnico del Commercio e Turismo a Milano, con l’accoltellamento di un sedicenne da parte di un nordafricano - Davide Boni, segretario della Lega Nord Milano. Che aggiunge: “I cittadini sono esausti, pretendono e meritano di potere vivere tranquilli nella propria città. Purtroppo però questa violenza senza fine denota che la sicurezza, che per noi resta un tema prioritario, non lo è per il Sindaco Sala. La sinistra infatti finge di governare, - conclude Boni - senza rendersi conto che in molte parti della città il comando è purtroppo passato a criminali, ladri e spacciatori”.

A riguardo interviene anche l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda, che osserva: "Non passa giorno a Milano senza che accadano gravi fatti di cronaca. Ieri sera l'accoltellamento di un 16enne, sempre ieri una donna aggredita e rapinata per strada con la minaccia di un'arma da taglio, due giorni fa il brutale pestaggio di due ragazzi fuori da una discoteca. È allarme sicurezza a Milano, per colpa delle carenze dell'amministrazione Sala, inadeguata, ma anche per le evidenti responsabilità di Governo di chi a Roma, a Palazzo Chigi o al ministero degli Interni, ha volutamente scelto di tagliare drasticamente fondi al comparto sicurezza, alle nostre forze dell'ordine e agli enti locali, che in molti casi non hanno fondi per potenziare l'illuminazione pubblica, posizionare telecamere che servono da deterrente o per garantire il servizio notturno della Polizia Municipale. Ecco le drammatiche conseguenze, sui territori, dei continui taglia decisi da Roma."

Nessun commento:

Posta un commento