24/01/17

MILANO - SICUREZZA: ANCORA FURTI E RAPINE IN CORSO COMO, BONI: "UNA DERIVA INCONTRASTATA"

La zona della movida milanese si sta trasformando in un teatrino della delinquenza. Nella notte tra sabato e domenica sono stati fermati in via di Tocqueville due ucraini di 22 e 31 anni; arrestati dalla polizia dovranno rispondere di tentata rapina e di aggressione a danni di un addetto alla sicurezza di un locale. Ma non finisce qua perché dopo qualche ora, alle 4:30 circa, un turista finlandese è stato aggredito fuori dall'hotel da un nordafricano che lo aveva avvicinato con l'intento di rubargli cellulare e portafoglio. Il malcapitato ha reagito ma in una manciata di secondi si è ritrovato accerchiato da un gruppo di uomini, e derubato del denaro contante.
Garibaldi, Corso Como e dintorni, zone che erano apprezzate da giovani e adulti per gli eleganti locali alla moda, sono ormai scenario di rapine e furti, dove rapinatori e ladruncoli dettano legge seminando il terrore. 
"Di questo dobbiamo dire grazie alle politiche scellerate sull'immigrazione del governo italiano, che consente l'ingresso incontrollato a chiunque compresi delinquenti e criminali, e grazie soprattutto alla giunta Sala che si ostina a non voler aprire gli occhi affidando la sorte di chi transita in queste zone per il 50% alla fortuna e per il rimanente 50% all'incessante lavoro delle forze dell'ordine che ormai dovrebbero essere dovunque temporaneamente."
Così il Segretario Provinciale Milanese Davide Boni in merito alla incessante scia di furti e rapine.

Nessun commento:

Posta un commento