21/04/13

Se i Rom si lamentano, case ai nostri anziani, ai nostri giovani e a chi è in lista da anni

Non so voi, ma leggere che ai rom le case assegnate da Pisapia non van bene perché troppo piccole, mi ha fatto diciamo arrabbiare. Già il fatto che si diano case a coloro che fanno dell'essere nomadi e del parassitismo il loro senso di vita, mi irritava, ora però direi che è veramente troppo. Dichiarano che preferivano stare nelle case abusive da loro costruite perché spaziose, case ricordo sulle quali i suddetti non pagavano tasse, non avevano autorizzazioni e non rientravano nei canoni di igiene e abitabilità richiesti dalla legge.
Chiedo al Comune di Milano e al suo Sindaco Pisapia, di togliere la testa da sotto la sabbia, di non fare più gli struzzi e di assegnare quelle case a chi ne ha bisogno impellente. Le liste di attesa per l'assegnazione di case comunali sono strapiene, coloro che ne hanno bisogno, giovani anziani o coloro che han perso casa e lavoro hanno diritto alle case e son sicuro che non si lamenterebbero come fatto dalla Consulta rom milanese del fatto che sian piccole.
Case ai nostri anziani, ai nostri giovani e a chi è in lista d'attesa da anni.

5 commenti:

  1. Bravo Davide !!
    Parole sante

    Solo ora, avendo eletto anche con i nostri voti il "Nuovo" presidente della Repubblica Italiana
    Giorgio Napolitano, possiamo sperare che i nostri anziani, i nostri giovani abbiano un interlocutore attento alle loro necessità

    Come dimenticare le ferme e incisive dichiarazioni di Napolitano in merito:

    19 dicembre 2012
    Napolitano: «Cittadinanza ai figli di immigrati»

    01 GENNAIO 2013
    Napolitano: "Inconcepibile che le seconde generazioni non siano italiane"

    22 novembre 2011
    Napolitano: «È una follia che i figli di immigrati nati in Italia non siano cittadini»

    18 dicembre 2012
    NAPOLITANO: “Il mio caloroso saluto va agli immigrati. Auguro loro di riuscire a superare la crisi economica”

    02 aprile 2013
    I figli degli immigrati cittadini onorari Plauso di Napolitano

    15 novembre 2011
    Crisi, Napolitano: "Senza immigrati
    debito difficile da sostenere"

    RispondiElimina
  2. Caro Dvide, è la legge regionale che va modificata ed il compito è della politica anche regionale. Non è per difendere il Sindaco di Milano, ma la legge va letta fino in fondo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Non so se sia vero che si sono lamentati, non è importante questo.
    Per me è vergognoso il fatto che sia dia precedenza agli stranieri e non ai nostri poveri, anziani, alle giovani coppie.
    Non è razzismo, ma equità sociale.
    Ah!!! e non sono un elettore di destra.
    Luigi.

    RispondiElimina
  4. La Legge è in via di cambiamento. speriamo nella nuova proposta leghista. Concordo con te Luigi

    RispondiElimina
  5. Quando parli della nuova proposta leghista ti riferisci alla proposta di rieleggere Napolitano?
    Sembrerebbe che il "nuovo" presidente della repubblica sia in gara con la Boldrini nel dare la precedenza agli immigrati; grazie anche all'appoggio della Lega penso che la vittoria spetterà al napoletano

    RispondiElimina