22/04/13

Via Padova... La Via dimenticata da Pisapia! Per il futuro un sindaco leghista

Oggi vi suggerisco la lettura di un articolo in riguardo sicurezza a Milano su ilGiornale.it. E' davvero sconcertante leggere i numeri della NON sicurezza attuata dalla giunta Pisapia dopo la caduta della giunta Moratti. Il nodo della questione è lo scenario di Via Padova, già nota alle cronache e luogo di rivolte e contestazioni da parte di residenti esasperati dal proliferare di atti illeciti.
Non ho mai amato particolarmente la Giunta Moratti, preferirei in futuro avere una giunta a trazione Lega Nord, ma è evidente che fino all'avvento dell'attuale, i controlli e lo stato di sicurezza era meglio monitorato, ora è tutto lasciato al caso e anzi direi al menefreghismo, con causa lampante di degrado, illeciti di varia natura e guerra di bande e di etnie.
Per rispetto dei milanesi, e sopratutto dei cittadini di questa Via dimenticata da Pisapia e Granelli, auspico una maggiore considerazione, ma sopratutto mi auspico che il prossimo sindaco sia leghista e che sappia come da nostra natura, riporre l'attenzione necessaria.
Sicurezza controlli e sanzioni a chi non fa della legge il suo stile di vita. La gente è esasperata e merita una Milano migliore.

6 commenti:

  1. Un sindaco leghista a Milano?
    Ma se abbiamo perso anche le Elezioni regionali in Friuli !
    Se continuiamo così il sole delle alpi lo vedremo solo sulle macchiette del caffè pubblicizzate su Radio Padania
    In Veneto grazie a Tosi siamo stati polverizzati
    Non parlo del Piemonte per amor di patria
    In Lombardia siamo al rimorchio del Pdl

    Una volta uralavamo "PadaniaLibera"
    adesso votiamo e applaudiamo Napolitano

    RispondiElimina
  2. Caro Davide Boni,
    ti ringrazio di aver risposto in diretta ad Aria Pulita su 7 Gold alla mia mail di questa mattina (http://oradarialibera.blogspot.it/2013/04/marcia-su-roma-e-dintorni.html).
    Finalmente ho capito che, quando si parla di marciare su Roma, esiste una differenza tra quanto afferma Calderoli e quanto afferma Grillo.
    Nel primo caso è politica, nel secondo è sedizione. Nel primo caso si riempiono le bocche, nel secondo le piazze.
    Vorrei tranquillizzarti: non è mia intenzione impegnarmi in modo diretto in politica.
    Visto la gente che gira nei Palazzi, probabilmente ne avrei anche i requisiti necessari, quel che mi manca è lo stomaco.
    Fare di tutt'un erba un fascio, come m'insegni, è un errore. Sarà per questo motivo, probabilmente, che ci sono politici (pochi) che possono circolare liberamente per strada, mentre altri (molti) per andare a fare acquisti all'IKEA hanno bisogno della scorta.
    Capisco che la tua formazione scolastica, troppo tecnica, non ti ha permesso di approfondire la mitologia classica.
    Per tua mera informazione ti ricordo che Giano “bifronte” è una delle divinità più importanti della religione romana arcaica.
    In suo onore si deve l'appellativo di uno dei sette colli di Roma: il Gianicolo.
    Senza corna, è raffigurato con due volti contrapposti perché può guardare il futuro e il passato.
    L'ho scelto come acronimo perché, oltre ad essere la crasi del mio nome, rispecchia il mio modo disincantato di guardare sia a destra che a sinistra con la stessa sufficiente sopportazione.
    Visto che me lo chiedi ti farò avere volentieri una bottiglia di vino per il prossimo Natale.
    Siccome però Natale è una scambio di doni, gradirei che tu mi facessi dono di una delle 75 cravatte in seta comprate a Napoli, qualificate come "materiale di rappresentanza", per cui sembra tu sia stato indagato per peculato dalla magistratura milanese.
    Se così fosse, non importa se vino e cravatta le ho pagate io.
    Come si dice: è il gesto quel che conta...

    RispondiElimina
  3. Come hai postato su facebook giusto oggi, Maroni si è dichiarato favorevole a votare la fiducia al nuovo governo. Vediamo la priorità di questo governo:
    Cecile Kyenge, all’Integrazione : “Via la Bossi Fini”

    Apprezzo la coerenza della Lega: dopo aver votato Napolitano si dice disponibile a sostenere questo governo

    RispondiElimina
  4. 13/04/2013
    Maroni: “Una sola Lega, fuori chi disfa”
    27/04/2013
    Maroni: «Pronti a votare la fiducia al governo Letta»
    27/04/2013
    Salvini:"Pronti a fare opposizione totale al ministro per l'integrazione"

    Una sola Lega! Quella di Maroni
    Chi non è allineato con Maroni FUORI

    Tutti allineati a votare la fiducia al governo Letta!
    Grazie Maroni
    Grazie Napolitano (condivido il pensiero di Zaia "Napolitano patrimonio di tutti gli Italiani!!!)
    Grazie Presidente Letta

    RispondiElimina
  5. 23 Aprile 2013
    Tosi:
    "Mi piacerebbe che il Capo dello Stato considerasse l'ipotesi di dare l'incarico di premier a Renzi, anche per quanto i sindaci rappresentano in termini di vicinanza ai cittadini e di rinnovamento."

    27 Aprile 2013
    Renzi:
    "La nomina del ministro per l'Integrazione come segnale di eccellenza per il nuovo governo Letta. Lo dice Matteo Renzi, a Che tempo che fa, osservando che "mi colpisce che l'Italia continuava su due direzioni diverse tra politica e societa' normale: con una legge che portava il nome di Bossi e Fini, due fortunatamente - sottolinea ancora - in pensione, fuori dal gioco.

    RispondiElimina
  6. Riporto la dichiarazione rilasciata oggi da maroni in merito alla legge Bossi fini:
    "Oggi mi pare che il ministro Kyenge abbia detto che bisogna rivedere la Bossi-Fini. Si', purche' rimanga il principio che chi viene in Italia deve avere il permesso di soggiorno sulla base di un lavoro"

    1)Intanto il ministro Kyenge ha dichiarato "Serve una nuova legge"
    Nel caso il governatore non lo sapesse, rivedere ha un significato diverso da "nuovo"
    2) Nel caso il governatore non lo sapesse il lavoro non esiste più per molti lombardi;che senso ha concedere nuovi permessi di soggiorno sulla base di un lavoro ??

    E per fortuna che salvini aveva dichiarato:
    "Pronti a fare opposizione totale al ministro per l'integrazione (?), simbolo di una sinistra buonista e ipocrita, che vorrebbe cancellare il reato di clandestinità e per gli immigrati pensa solo ai diritti e non ai doveri."

    RispondiElimina