12/11/12

Milano Boni: “Sei clandestino? Chiedi asilo politico ! Solo a Milano 15.000 richieste”


“Ormai la richiesta di asilo politico è diventata uno strumento per poter entrare in Italia da clandestino senza rischiare l’espulsione.”
Così Davide Boni, consigliere regionale della Lega Nord, commenta la marea di richieste (più di 15 mila) arrivate alla questura di Milano per ottenere protezione umanitaria e asilo politico.
“Un istituto giuridico più che nobile  - continua Boni - è stato trasformato, per volontà soprattutto dell’Unione Europea, in un espediente per varcare i confini senza bisogno di  permessi e documenti e consentire così un flusso incontrollato di immigrati dai paesi extracomunitari. La direttiva europea vieta infatti il rimpatrio di coloro che vengono da noi richiedendo asilo politico e pone regole ben precise a favore degli immigrati, che spesso sono semplici clandestini.
E’ sufficiente la richiesta di asilo politico per ottenere un permesso di soggiorno provvisorio,  assistenza legale gratuita ed essere alloggiati, curati e mantenuti a carico dei contribuenti. Nel caso la domanda venga respinta, è prevista anche la possibilità di due gradi di ricorso. Risultato: frontiere praticamente aperte a tutti, senza possibilità di espulsioni o altro e le nostre città invase da clandestini che vivono a carico dello Stato. Mentre i nostri pensionati faticano a mettere insieme il pranzo con la cena.”

Nessun commento:

Posta un commento