22/11/12

Redditest delle mie brame dimmi se potrò spendere in questo bailame...


Questo Governo oltre ad introdurre nuove tasse, ci propina, attraverso l'agenzia delle entrate, il redditest, strumento che consentirebbe di calcolare la congruita' fra reddito e spese, il tutto a detta loro nell'anonimato ma che non fa altro che spaventare i cittadini, i quali tenderanno sempre più a limitare i consumi. 
Facile anche ai più capire che questa ulteriore "trovata" andrà a discapito della ripresa, no spese -> no produzione -> no ripresa. 
Questo è sempre più uno Stato che fa la parte del predatore e insegue agguanta la preda nella maniera più meschina possibile. Il redditest è addirittura sulla base del sospetto, e impone di dover dimostrare in ogni momento come e perché hai speso il frutto del tuo lavoro, già tra l'altro depredato dalle tasse.
Parlando con alcuni disoccupati, la domanda è: dovrò dimostrare anche che sto spendendo i risparmi che i miei nonni e genitori hanno investito per me 20 anni fa? Si perché poniamo che alcuni di voi abbiano dei buoni postali datati 1982, le vecchie 100 mila lire per intenderci. Alla scadenza si realizza circa 940 euro, non potrò spenderli? dovrò dimostrare che nel 1982 i miei genitori mi fecero come regalo di Natale un buono da 100 mila lire?
Ben vengano tutte le misure necessarie a combattere l'evasione fiscale, ma al bando tutto questo infondere terrore ai cittadini martoriati e spremuti. Chissà se a qualcuno il redditest dirà "Game Over non puoi pagare le TASSE".

Nessun commento:

Posta un commento