04/02/16

ABUSIVISMO, BONI (LEGA): A MILANO SERVE RIPRISTINO DELLE REGOLE DI CONVIVENZA CIVILE

Milano, 4 Febbraio 2016
Ancora tensione questa mattina in zona San Siro, dove gruppi di antagonisti si sono mobilitati contro forze dell’ordine e ispettori Aler per impedire lo sgombero di una famiglia di abusivi egiziani da una palazzina popolare. Data la presenza di un minore è stata anche offerta una sistemazione alternativa, che è stata però rifiutata.
Nel merito interviene il segretario provinciale della Lega Nord di Milano, Davide Boni:
“Dobbiamo prendere atto, per l’ennesima volta, dell’ esistenza in città di enclavi di illegalità e zone franche dove, appena si verifichi un seppur minimo tentativo di riportare l’ordine, vengono a muoversi nell’immediato variegati pseudocomitati di quartiere fiancheggiati dalle solite schiere di sfaccendati provocatori dediti all’occupazione di spazi pubblici che, come da copione, difendono illegalità e abusivismo, ovvero il pane di cui vivono. Rileviamo che, anche nel pomeriggio, un gruppo di attivisti dei comitati per la casa è riuscito a scavalcare i tornelli di ingresso del Pirellone e ad inscenare una protesta contro gli sfratti”

“Questo clima di tensione permanente è tanto più causato, e non smetteremo mai di dirlo - prosegue - da un permissivismo strisciante e subdolo, dalla mancanza di una presa di posizione forte e intransigente dell’amministrazione cittadina nei confronti di chi occupa senza titolo e difende diritti inesistenti, a discapito di chi,  magari in graduatoria da tempo, si vede scippate sacrosante possibilità di vita e diritti acquisiti dopo anni di tasse versate e duro lavoro”.

E conclude: “Dopo 5 anni di amministrazione arancio fatti e numeri parlano chiaro: dinanzi al raddoppio delle occupazioni abusive e ad una gestione del patrimonio pubblico fallimentare, non possiamo non auspicare che, con le imminenti elezioni, Milano si liberi da beghe di quartierino, come quelle alle quali assistiamo nei giorni concitati delle sinistre primarie,  e si appresti finalmente a vivere una nuova primavera, dalle tinte meno fosche”

Nessun commento:

Posta un commento