22/03/10

DIFENDIAMO I CORSI D'ACQUA LOMBARDI

I fiumi lombardi non devono diventare una discarica a cielo aperto a disposizione di chi pensa di farla franca versando nelle nostre acque materiale altamente inquinante, che rischia di compromettere tutto il nostro ecosistema, così come la vita della flora e della fauna milanese e lombarda.
Accanto al pronto intervento effettuato un mese fa, per salvare il Fiume Lambro, dalla Regione Lombardia e dalla Protezione Civile lombarda, resta la necessità di punire severamente coloro che si macchiano di un’azione altamente criminale, individuando tutte le responsabilità del caso.
Come più volte ribadito restano importanti la messa in sicurezza dei nostri corsi d’acqua e la riqualificazione delle sponde, in modo da non lasciare dei luoghi naturali abbandonati a se stessi. Lo stesso piano d’area dei Navigli e i progetti di navigabilità dei nostri Fiumi, sono finalizzati a puntare i riflettori e a salvaguardare le bellezze della Lombardia, senza che le nostre oasi naturali diventino luoghi abbandonati dove qualche delinquente scarica i propri rifiuti.

Nessun commento:

Posta un commento