12/06/12

TENNIS - COPPA DAVIS Coppa Davis scippata da Napoli: gravi colpe di Pisapia

Approvata oggi dal consiglio regionale una mozione che chiede di svolgere a Milano l’incontro di Coppa Davis Italia-Cile in programma il prossimo settembre. In merito è intervenuto il consigliere regionale della Lega Nord, Davide Boni. 
“Abbiamo approvato la mozione che chiede di far tornare a Milano la coppa Davis, ma è chiaro che purtroppo si tratta solo di un atto dovuto, in quanto è stato già praticamente deciso che la sfida Italia – Cile si svolgerà a Napoli, con grande soddisfazione già espressa dal sindaco De Magistris. 
A pesare sul piatto della bilancia a favore del capoluogo partenopeo è stata la mancanza di volontà del Comune di Milano, che ha subito abdicato a quello che avrebbe potuto rappresentare il ritorno del grande tennis sotto la Madonnina. La cifra da investire, e che Milano ha voluto risparmiare, sarebbe stata di 60 mila euro. Un costo davvero sopportabile, se si pensa al ritorno di immagine e di indotto che una manifestazione sportiva di così grande importanza avrebbe potuto avere per Milano. 
Un’altra beffa per il capoluogo lombardo, una delle poche grandi città d’Europa a non disporre di uno stadio per il tennis e che per questo non ospita nemmeno più un torneo internazionale ATP. Un vero peccato, se si pensa che Milano è la città dove nel 1930 nacquero gli Internazionali d’Italia di tennis, trasferiti dopo cinque anni a Roma per non far più ritorno. Milano è anche la città di Francesca Schiavone, vincitrice nel 2010 del Roland Garros. Ma tutto questo alla giunta rossa di Pisapia non importa, e così Napoli ha agevolmente scippato a Milano questo prestigioso evento.”

1 commento:

  1. Signor Boni, mi scusi, se la mette così sembra quasi che sia colpa del disinteresse di Pisapia se Milano non ha uno stadio per il tennis.

    Internazionali d'Italia a parte – lasciamo perdere gli anni 30 – a Milano dagli anni 70 e fino al 2005 si è svolto il "Milan Indoor", torneo vinto dai vari Borg, Mc Enroe, Lendl, Becker, Ivanisevic e anche da un giovane Federer.

    Un torneo importante, quindi, che attirava i più forti giocatori del mondo. Che a Milano ha perso per sempre nel 2005, dopo che nessuno, tra i tennisti di grido, ci veniva più e dopo le vittorie, nelle ultime edizioni, di giocatori quasi sconosciuti come Verkerk, Dupuis e Soderling.

    Scusi, signor Boni, chi governava la città nel 2005 e poteva fare qualcosa per salvare il torneo? Pisapia?

    E pensare che Albertini non era nemmeno a capo di una giunta rossa... e nemmeno la Moratti e i suoi alleati, che niente hanno fatto per cercare di riportare il torneo, e il grande tennis oggi così desiderato, a Milano...

    (giusto per rinfrescare la memoria: http://archiviostorico.corriere.it/2005/giugno/19/Lega_giunta_Albertini_chiuso_strappo_co_7_050619030.shtml)

    RispondiElimina