26/06/12

Violenza sulle donne – Dimissioni in bianco Boni: “Niente incentivi per le imprese che violano gli obblighi sulle gravidanze”

Approvato Ordine del Giorno sulle “dimissioni in bianco” nell’ambito della Legge regionale riguardante “Interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza”. Nel merito è intervenuto il Consigliere regionale della Lega Nord e primo firmatario, Davide Boni.

“Sono soddisfatto per l’approvazione di questo Ordine del Giorno – commenta Boni – che intende fornire una risposta in merito al grave problema della “dimissioni in bianco”. Si tratta di un fenomeno pericolosamente diffuso che consiste nel far firmare al lavoratore, o alla lavoratrice, le proprie dimissioni in anticipo, in modo da poterle compilare in un secondo momento a fronte di una malattia, di un infortunio o, nella maggioranza dei casi, in caso di gravidanza.
Stando ai dati Istat infatti, oltre la metà delle interruzioni dell’attività lavorativa per la nascita di un figlio non è il risultato di una libera scelta da parte delle donne ma di un qualche genere di costrizione. Una situazione che appare ancora peggiore se si considera che la suddetta pratica appare come clausola nascosta nel 17% dei contratti a tempo indeterminato.
Si tratta di un fenomeno molto grave, oltre che illegale, verso cui però bisogna porre in essere rimedi ancora più incisivi. Per questa ragione abbiamo presentato questo Ordine del Giorno che impegna la Giunta a prevedere, quale requisito delle imprese che vogliono accedere ai bandi per ottenere contributi o incentivi regionali, il fatto di non aver commesso violazioni gravi e definitivamente accertate, rispetto alle norme in materia di sicurezza e di ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, con particolare attenzione – conclude Boni – alla tutela della gravidanza.”

Nessun commento:

Posta un commento